Google+

Ballano a un matrimonio, tribunale islamico fa uccidere 4 donne: «Danzare è contro l’islam»

giugno 4, 2012 Leone Grotti

Succede in un villaggio tribale del Pakistan. Gli uomini condannati a morte sono riusciti a scappare. La corte della Sharia: «La condanna valga di esempio per tutti».

Uccise perché hanno ballato a un matrimonio. È la sorte di quattro (anche se alcuni giornali scrivono cinque) donne nel villaggio di Gada, Kohistan, al confine con l’Afghanistan, condannate a morte il 28 maggio scorso insieme ai due uomini che hanno ballato con loro da un gruppo di leader tribali, che hanno riunito una corte per applicare la Sharia e le hanno condannate. Ieri, secondo il canale televisivo Geo News, le donne sono state giustiziate mentre gli uomini erano riusciti a scappare pochi giorni fa. Il ministro degli Interni Rehman Malik ha assicurato che farà chiarezza su quanto avvenuto. Se secondo Geo News le donne giustiziate sono quattro, secondo il quotidiano The Express Tribune le donne uccise sono cinque: la quinta sarebbe la sorella di una delle donne.

Gli uomini e le donne erano stati ripresi mentre ballavano con un telefonino, le immagini sono giunte fino ai leader religiosi della tribù che li hanno condannati a morte perché «danzare è contro l’islam e va condannato perché sia di esempio per tutti». Gli uomini e le donne, tutti musulmani, non hanno potuto discolparsi in nessun modo. La polizia è intervenuta arrestando uno dei religiosi, che però ha dichiarato di non essere responsabile di niente.

Davanti alle proteste e all’intervento della polizia, come rivela AsiaNews, i leader religiosi hanno opposto la propria “giurisdizione” in materia e ribadito la legittimità della condanna. Le corti islamiche sono un vero e proprio Stato nello Stato in Pakistan e hanno causato la morte di 943 fra donne e bambine lo scorso anno per «delitti d’onore». Nonostante i tentativi di abolirla, in Pakistan vige tuttora anche la legge sulla blasfemia che, secondo quanto dichiarato a tempi.it da Peter Jacob, segretario esecutivo della Commissione nazionale di Giustizia e Pace della Chiesa cattolica pakistana, «negli ultimi 18 anni ha portato all’accusa di 1.151 persone e alla morte di centinaia di queste».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi