Se la sanità lombarda si affida alla burocrazia per affrontare un futuro ignoto

Il “Libro Bianco” sul futuro del “modello sanitario” della Regione parte da una premessa indiscutibile: il bisogno di cura è destinato a cambiare con l’invecchiamento della popolazione. Ma davvero la risposta migliore è la centralizzazione?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Quest’estate la Regione Lombardia ha aperto una consultazione pubblica sul suo Libro Bianco sullo sviluppo del sistema sociosanitario in Lombardia. Quel documento prelude a una riorganizzazione del cosiddetto “modello lombardo”. Del quale proprio il Libro Bianco tesse le lodi, forte di una notevole batteria d’indicatori. Ma che andrebbe aggiornato ai tempi, perché l’invecchiamento della popolazione produrrebbe tanto un aumento dei bisogni sanitari a cui assolvere, quanto una loro “mutazione”. Nel paese più “vecchio” d’Europa, sono i problemi legati alle cronicità che reclameranno il senso della scena. Il sistema sanitario più efficiente del paese più vecchio d’Europa, quindi, dovrebbe dimostrare di essere tale prevenendo l’evoluzione della domanda.

La premessa è di grande buon senso, lo svolgimento un po’ meno. Il Libro Bianco è un documento di difficile interpretazione: la fotografia dell’esistente ne occupa la più parte, le proposte d’intervento sono presentate in modo un po’ frettoloso, con abbondante uso di formule immaginifiche (“coopetition”, “dalla cura al prendersi cura”), suggestive ma inevitabilmente vaghe.

Nelle diverse ipotesi d’intervento (riorganizzazione delle Asl, introduzione di un nuovo sistema tariffario, istituzione di una centrale unica d’acquisti), il filo rosso appare essere la necessità di una maggiore centralizzazione.

È questo l’elemento più sorprendente. Su una cosa, il Libro Bianco ha indubbiamente ragione: i bisogni sanitari sono destinati a cambiare, anche in modo considerevole, nei prossimi anni. Questo suggerirebbe di investire su un sistema quanto più adattabile e flessibile: cioè un sistema meno “burocratico”, e quindi per forza più competitivo e “privatistico”. Se prevediamo che la domanda di sanità cambi, abbiamo bisogno di aumentare, non di ridurre, il tasso d’imprenditorialità nel settore: perché ci serve che si sviluppino tentativi diversi per venire incontro in modo economico a questi nuovi bisogni. Se si concentrano tutte le risorse su un unico piano, su un unico modello, su un’unica idea, e poi quella non funziona, o chi dovrebbe metterla in atto si rivela un corrotto, abbiamo distrutto risorse e dissipato speranze. Se invece si procede per esperimenti diversi, alcuni andranno bene, altri falliranno, ma è più probabile che si riesca a sviluppare la risposta migliore a queste nuove esigenze che vanno emergendo.

In Italia si invoca, sempre, la “cabina di regia”, come se il futuro della sanità, in questo caso, fosse un film con un copione già scritto. Fare assegnamento su una maggiore centralizzazione avrebbe senso se e solo se ritenessimo di sapere già come si deve gestire un ospedale per venire incontro non solo ai bisogni di oggi ma anche a quelli di domani. Un ospedale è un’azienda complessa, che deve gestire fattori di produzione molto eterogenei, e fornire un servizio essenziale e al contempo in continuo miglioramento, grazie al progresso tecnologico. Possiamo davvero fare assegnamento sulla burocrazia, per gestire bene aziende di questo tipo?

Se sicuramente i bisogni cambieranno in ragione delle cronicità, nessuno sa davvero come ciò avverrà (né, a dire il vero, esistono studi o previsioni particolarmente dettagliati per la nostra Regione). Abbiamo bisogno di fare esperimenti, e non imporre soluzioni uniformi. Abbiamo a che fare con problemi in larga misura nuovi, ma anche con situazioni nuove sotto il profilo sociologico: con famiglie diverse, da quelle che abbiamo conosciuto per buona parte della nostra storia. Più operatori si mettono in gioco, più tentativi si mettono in campo, meglio è.

Alberto Mingardi, autore di questo articolo, è direttore generale dell’Istituto Bruno Leoni

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •