Google+

Renzi dà il via alle consultazioni. Il totoministri del giorno tra new entry e smentite

febbraio 18, 2014 Chiara Rizzo

Le ipotesi: alla Giustizia Livia Pomodoro, alla Cultura Roberto Saviano, allo Sviluppo economico uno tra i due “rivali” Vittorio Colao o Franco Bernabé. Rifiuti da Lucrezia Reichlin, Barca e Prodi

È arrivato intorno alle 10 a Montecitorio, Matteo Renzi. Si è perso tra i corridoi ma ha velocemente ritrovato la strada, è riuscito a superare indenne un viaggio in ascensore con i giornalisti («very dangerous»), anche sentendo la mancanza del suo braccio destro, Graziano Delrio («ci siamo persi Graziano» ha ripetuto tra un corridoio e l’altro del Palazzo, ma i commessi lo hanno subito rassicurato: «No, Delrio è già arrivato e la sta aspettando»). Poi si è messo subito al lavoro il neo presidente del consiglio incaricato, e ha incontrato la prima delegazione, il Maie (il movimento politico degli italiani all’estero).

QUELLI CHE HANNO DETTO DI NO. Dopo la telefonata scherzo della Zanzara, in cui l’ex ministro Fabrizio Barca ha rivelato pubblicamente di aver ricevuto pressioni anche dal patron dell’Espresso-Repubblica Carlo De Benedetti per accettare un incarico nel governo Renzi, ma di aver nettamente rifiutato, adesso è folto il gruppo dei papabili che hanno detto no. Oltre a Barca, ci sono renziani della prima ora, come Alessandro Baricco (ipotetico ministro della Cultura), che ha rifiutato domenica, proprio come il patron di Eataly Oscar Farinetti (Agricoltura) e l’amministratore delegato di Luxottica, Andrea Guerra (Sviluppo economico), o personaggi “nuovi”, come Luca Cordero di Montezemolo (Sviluppo economico o Made in Italy). Ma anche i “totem” storici della sinistra, Romano Prodi (Economia, ma lui ha risposto con un «No a caratteri cubitali» testuale) e Lucrezia Reichlin (Economia), che oggi all’Unità però ha dichiarato di non essere stata mai contattata in effetti, ma di non condividere comunque ciò che conosce del programma economico di Renzi.

QUELLI CHE FORSE. Il “totoministri” di oggi dà in aumento le quotazioni del fedelissimo Graziano Delrio all’Economia, dicastero per cui si fa il nome anche dell’ex rettore della Bocconi l’economista Guido Tabellini. Torna anche in lizza, ma con meno possibilità, l’ex vicedirettore dell’Ocse Gian Carlo Padoan. Alla Difesa si è parlato di un cambio di poltrone, ad esempio con il sottosegretario Pinotti (Pd) promossa a ministro, ma oggi sembra possibile che Mario Mauro resti al suo posto. Alla Giustizia prende quota, in alternativa al nome del vicepresidente del Csm Michele Vietti, quello del presidente del Tribunale di Milano, Livia Pomodoro. Se Beatrice Lorenzin (Sanità), Maurizio Lupi (Infrastrutture e Trasporti) e Andrea Orlando (Ambiente) quasi certamente rimarrebbero al loro posto, tra i nuovi nomi c’è la medaglia d’oro di tiro al piattello Niccolò Capriani. Alla Cultura arriva una new entry nel totonomine: lo scrittore Roberto Saviano, anche se per la stessa poltrona circola il nome della renziana doc Maria Elena Boschi. All’Istruzione dovrebbe andare la glottologa segretario di Scelta Civica, Stefania Giannini, Franco Barnabé, l’ex ad di Telecom, oggi entra in lizza per lo Sviluppo economico insieme all’ex rivale, Vittorio Colao, ex ad di Vodafone.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.