Prolifenews è on line. Si parte parlando di Chiara Corbella, Chen Guangcheng e Legge 194

Nasce oggi il sito che vuole dare voce alle posizioni pro vita italiane. Tante notizie e tre focus su argomenti sempre dibattuti. L’editoriale è di Francesco Agnoli

Parte oggi, con uno scomodo editoriale a firma di Francesco Agnoli, l’iniziativa dedicata a Chiara Corbella. Si tratta del sito www.prolifenews.it (attivo da oggi) e della rivista cartacea mensile, Notizie Pro Vita, che verrà presentata questo mercoledì alla provincia di Roma. Presenti l’editore Antonio Brandi, amico di famiglia Corbella, monsignor Giuseppe Tonello, cancelliere del Vicariato di Roma e molti altri ospiti. Tra il pubblico anche i genitori di Chiara.

ALCUNI CONTENUTI. Il progetto, sul scia del modello americano, è quello di radunare tutto il mondo pro life per dargli voce. Nell’editoriale, Agnoli contesta i dati ufficiali che parlano di diminuzione degli aborti clandestini dopo l’approvazione della legge 194/78. A dirlo sono le stesse voci del modo pro choice e casi scomodi apparsi anche sulla stampa laica. Il sito riprende poi il caso di Chen Guangcheng, il quarantunenne non vedente che si è battuto contro la campagna di sterilizzazioni ed aborti forzati imposta dal regime comunista cinese, perseguitato e rifugiato negli Stati Uniti, e della connazionale Lou Xiaoying, che nonostante la povertà e la persecuzione ha combattuto e salvato moltissimo bambini dall’aborto. Si trova poi un articolo significativo sulle ragioni della preoccupazione espressa della Sieog (Società Italiana di Ecografia Ostetrico-Ginecologica) per una recente sentenza della Corte di Cassazione (16754 del 2/10/2012), in cui è riconosciuta la possibilità di un risarcimento all’individuo nato affetto da una malformazione o da una sindrome genetica. Diverse sono le notizie dal mondo pro life estero. Per unire, oltre che quello italiano, anche il fonte internazionale per la vita.

@frigeriobenedet