«Presidente Biden, noi non vogliamo l’aborto»

L’arcivescovo nigeriano di Abuja, Ignatius Kaigama, attacca il democratico per aver ripristinato il finanziamento dell’aborto nei paesi africani: «È un crimine abominevole»

ignatius kaigama nigeria

«È interessante che uno dei primi atti ufficiali del presidente Joe Biden sia stato promuovere la distruzione di vite umane negli Stati Uniti e nei paesi in via di sviluppo come il nostro». Con queste parole l’arcivescovo nigeriano di Abuja, Ignatius Kaigama, ha condannato senza mezzi termini la decisione del presidente democratico di abrogare la Mexico City Policy (promulgata quattro anni fa da Donald Trump) e permettere di conseguenza l’utilizzo dei proventi delle tasse americane per finanziare l’aborto negli Usa e nel mondo.

«DECISIONE IRRAZIONALE CHE VIOLA LA DIGNIT­À UMANA»

«Questa decisione è irrazionale», continua Kaigama parlando con Crux, «e viola la dignità umana. Il presidente dovrebbe usare i suoi poteri per aiutare i più vulnerabili, compresi i bambini non nati». L’arcivescovo nigeriano ricorda anche al “cattolico” Biden che «fin dal Concilio Vaticano II, come ribadito più volte anche da papa Francesco, la deliberata uccisione di un bambino prima o dopo la nascita viene considerata come la più grave violazione dei comandamenti di Dio. La vita deve essere protetta con le migliori cure dal momento del concepimento: aborto e infanticidio sono crimini abominevoli».

In qualità di vescovi, conclude infine, «abbiamo sempre ribadito che l’aborto è un attacco diretto alla vita che danneggia anche le donne, mina le fondamenta della famiglia e sopra ogni altra cosa offende Dio».

NUOVO COLONIALISMO

Come ricordava in una intervista alla Bbc Obianuju Ekeocha, ingegnere biomedico di origine nigeriana e fondatrice di Culture of Life Africa, «quando un paese occidentale viene in Africa e cerca di imporre l’aborto sotto forma di aiuto “umanitario” non fa che comportarsi come i colonialisti di un tempo. Quella che voi chiamate lotta per combattere la povertà è in realtà una forma di colonizzazione ideologica».

Sinceramente, insisteva Ekeocha, «non capisco perché ci sia la necessità di garantire alle donne africane il diritto all’aborto. Nell’80 per cento dei paesi africani l’aborto è illegale. Non perché non possono legalizzarlo, abbiamo parlamenti e governi in Africa, ma perché la stragrande maggioranza degli africani rifiuta l’aborto. Non capisco, se la stragrande maggioranza degli africani non vuole l’aborto, perché l’Occidente dovrebbe spendere soldi per cercare di introdurlo? Se ascoltaste anche gli africani, quando dite di volerli aiutare, scoprireste che non è quello che noi vogliamo».