Petizione per fermare i massacri delle minoranze in Libia, Siria ed Egitto

Con questa petizione chiediamo al Consiglio di Sicurezza di agire concretamente a difesa dei cristiani e delle altre minoranze religiose perseguitate.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

siria-cristiani-assiri-uccisi-isis2

Il 27 marzo 2015 il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha espresso l’urgenza di “fermare la follia” del terrorismo in Medio oriente, che sta annullando la diversità religiosa in quell’area.

Migliaia di civili sono tuttora nelle mani dei terroristi dello Stato islamico. Sono in atto massacri su base etnica e religiosa, anche a danno di chi interpreta gli insegnamento islamici in modo meno radicale. Oltre 420.000 yazidi sono stati costretti a fuggire e ora vivono accampati tra Kurdistam, Siria e Turchia. Migliaia di ragazze sono vendute come schiave. Per 18 dollari.

Le Nazioni Unite hanno elaborato un piano d’azione per porre fine a tutto questo e preservare la ricchezza e la diversità etnica e religiosa del Medio oriente e per porre fine alle violenze che si stanno abbattendo soprattutto contro cristiani, curdi e yazidi.

Il Segretario generale dell’ONU ha dichiarato che nell’imminente riunione del Consiglio di Sicurezza di settembre, presieduto dalla Russia, verrà messo in atto un piano d’azione chiaro ed efficace per proteggere le comunità religiose in quest’area.

Con questa petizione, chiediamo al Consiglio di Sicurezza di mantenere quanto promesso e di agire concretamente a difesa dei cristiani e delle altre minoranze religiose perseguitate.

La petizione può essere firmata cliccando qui

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •