Google+

«La verità è una relazione»? Datemi retta, quel Papa Francesco ne sa una più di me, scrive il diavolo

settembre 23, 2013 Berlicche

La lettera di Bergoglio a Repubblica rovina i piani di Berlicche: se l’assoluto si fa i fatti suoi, gli uomini possono farsi i loro. La novità del cristianesimo non è lo spirito, l’eterno. È la carne, la storia

Mio caro Malacoda, sinceramente, per quanto possa essere sincero un diavolo, non capisco lo scandalo sulla “rivelazione” di papa Francesco che la verità non è “assoluta”. Certo l’ha detto («io non parlerei, nemmeno per chi crede, di verità “assoluta”») ma con ciò non ha affermato che sia “relativa”, ha confermato una cosa affatto diversa: che è in “relazione”. L’assoluto che entra in relazione non cambia la propria natura, cambia il mondo. Il tranello è linguistico, ma Francesco non è un ingenuo e avvisa il suo interlocutore: non pensare di usarmi pro domo tua, «bisogna intendersi bene sui termini», dire che «la verità è una relazione… non significa che la verità sia variabile e soggettiva, tutt’altro». A scanso di equivoci (ma l’equivoco è di chi equivoca) precisa: «Dio non è un’idea, sia pure altissima, frutto del pensiero dell’uomo. Dio è realtà con la “R” maiuscola… non dipende dal nostro pensiero».

Fosse per noi, il nostro pensiero, la nostra scarsa immaginazione di uomini – lascia intendere il Papa – Dio sarebbe rimasto “assoluto”, slegato, irraggiungibile. Si è invece preoccupato di noi, ha voluto farsi i fatti nostri, si è immischiato con la carne e il sangue della storia.

Ed è proprio questo che rovina i piani del diavolo: se l’assoluto si fa i fatti suoi, gli uomini possono farsi i loro, e noi possiamo farci su gli uomini. La novità del cristianesimo non è lo spirito, l’eterno. La novità del cristianesimo è la carne, la storia. L’opera di Dio è decisamente materiale fin dall’inizio (ha fatto le cose), solo quella del diavolo è interamente spirituale. Lo scrisse Chesterton a inizio del Novecento, e purtroppo per noi non è rimasta un’intuizione isolata.

Due secoli di presunto materialismo avevano portato il mondo a considerare Dio un’opzione spiritualistica, pia, sentimentale, disincarnata; e i cristiani che si occupavano di cose terrene come la politica, l’economia, la vita sociale come dei traditori della purezza del messaggio: pensassero all’anima, dicevano gli intellettuali engagé mentre teorizzavano che l’anima non esiste.

Poi – per quegli scherzi che la storia ci riserva quando pensiamo di averla ben indirizzata dove vogliamo noi – qualcuno rimise insieme i pezzi, e rifece delle due (il cielo e la terra, l’anima e il corpo, l’eterno e la storia, l’assoluto e il contingente) una cosa sola. Successe in un piccolo paese della Brianza: «La scuola di Venegono aveva superato la teologia scolastica delle astratte formulazioni sistematiche che faceva apparire la fede cristiana come un sistema di pensiero; ora invece erano le categorie di avvenimento e di incontro a costituire la base della riflessione. La fede cristiana non ha origine in evidenze teoretiche, ma in un avvenimento: la storia di Gesù Cristo; questo avvenimento diventa incontro e nell’incontro si dischiude la verità… è qui centrale la categoria di storia… l’idea di persona… e la razionalità diventa in modo nuovo una delle determinazioni essenziali della fede». Chi è il “relativista” che scrive così? Quel teorico assolutista dei princìpi non negoziabili di nome Joseph Ratzinger.

Riprenditi, è lo stesso che chiede di “allargare la ragione”. Anche oltre gli schemi di assoluto e relativo. Per noi è dura.

Tuo affezionatissimo zio Berlicche

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.