Google+

Obama voleva chiacchierare della «povertà nel mondo», papa Francesco lo ha «incastrato sul suo laicismo»

marzo 28, 2014 Redazione

Come era prevedibile, l’operazione simpatia del presidente Usa verso i cattolici nell’anno delle elezioni mid term è fallita: il Pontefice ha voluto parlare dei suoi attacchi alla libertà religiosa, altro che “sperequazione”

obama-papa-francesco-news-vaticano

Obama e papa Francesco? Nello storico incontro di ieri in Vaticano il Pontefice “ha incastrato Obama sul laicismo, altro che sperequazione”. In un articolo che compare sotto questo efficace titolo, Mattia Ferraresi conferma sul Foglio quello che abbiamo anticipato ieri, ovvero che l’operazione “alleanza Usa-Chiesa per la lotta alla povertà”, studiata e annunciata strumentalmente dal presidente degli Stati Uniti per riavvicinare i cattolici nell’anno delle elezioni di metà mandato, è fallita.

ACCORDO MANCATO. «Il comunicato diffuso ieri dalla Sala stampa vaticana dopo l’incontro», spiega Ferraresi, «non contiene riferimenti ai temi su cui Obama e i suoi spin doctor intendevano virare la conversazione: non compaiono la “sperequazione” e la “giustizia sociale”», e neanche «si fa riferimento ai “poveri”». Insomma, non sono mai citate le «parole chiave che Obama aveva affidato a Massimo Gaggi del Corriere in una intervista che doveva servire ad accordare gli strumenti fra la Casa Bianca e il Vaticano in tempi di aperte dissonanze su vita, famiglia e libertà religiosa». Il presidente americano, sottolinea il Foglio, «si aspettava una scampagnata nelle periferie esistenziali» con papa Francesco, «il leader più amato del mondo», ma purtroppo per lui «il suo proposito è stato frustrato».

LA NOTA STONATA. A testimoniare questa delusione è proprio la nota della Sala stampa vaticana, dove si legge quanto segue: «Nel contesto delle relazioni bilaterali e della collaborazione tra la Chiesa e lo Stato ci si è soffermati su questioni di speciale rilevanza per la Chiesa nel Paese, come l’esercizio dei diritti alla libertà religiosa, alla vita e all’obiezione di coscienza nonché il tema della riforma migratoria». Si tratta guarda caso degli stessi temi, uno per uno, che «hanno esacerbato le relazioni tra la Conferenza episcopale americana e la Casa Bianca», osserva il giornalista. Che poi concede: «La “riforma migratoria” è forse il solo punto dell’agenda che al presidente americano non dispiace trattare».

IL NODO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA. Del resto, come ricorda sempre il Foglio, i cattolici americani vivono la riforma sanitaria di Obama, ribattezzata Obamacare, come un vero e proprio attacco alla libertà religiosa, dal momento che nel suo ambito il governo Usa ha introdotto anche il cosiddetto “contraception mandate”, ovvero l’obbligo di fornire gratuitamente coperture assicurative per contraccettivi e farmaci abortivi. Un obbligo che vige anche per i cristiani, nessuna obiezione di coscienza contemplata, tranne che per i luoghi di culto. «I precetti della Chiesa insomma – commenta Ferraresi – vengono rispettati dallo Stato nella misura in cui la chiesa accetta di rinchiudersi nella dimensione privata e liturgica, di diventare socialmente e politicamente irrilevante». Poteva scivolare via liscia anche questa?


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

31 Commenti

  1. riequilibrio says:

    a bergoglio della povertà del mondo non gliene può fregare di meno, com’è ovvio.

    le nuove linee guida della Cei confermano che il vescovo non ha obbligo di denuncia degli abusi sui minori.
    la chiesa cattolica conferma la sua omertà (appoggio?) nei confronti della pedofilia.

    complimenti per la “rivoluzione”.
    siete solo una manica di malati, altro che persecuzioni.

    • Su Connottu says:

      Riequilibrio sei un invasato, non c’è qualcun altro della tua setta che ti sostituisce oggi?
      Qualcuno meno noioso…

    • Giannino Stoppani says:

      Evidentemente le cesoie oscurantiste di Tempi hanno colpito sconsideratamente distorcendo il fine pensiero del signor Riequilibrio, il quale, a leggere il post precedente pare abbia scritto nientemeno:
      “a bergoglio della povertà del mondo non gliene può fregare di meno, com’è ovvio”
      Ora, bisogna ammettere che difficilmente, anche chi conosce anche superficialmente il Nostro, possa ritenere una tale dotta, ponderante e mai banale personalità capace di scrivere una così tremenda CA(bip!)ATA (mi si scusi, ma nel mio vocabolario non trovo termine più adatto alla bisogna).
      Evidentemente la frase completa doveva essere, grosso modo, la seguente:
      “a bergoglio della povertà del mondo non gliene può fregare di meno, com’è ovvio per tutte le emerite teste di c(bip!)o che non fanno altro nella loro lurida esistenza che odiare la Chiesa Cattolica Romana, attribuendo ad essa la responsabilità della propria miserabile condizione esistenziale anziché ricercarvi comprensione e conforto.”
      Suvvia, spettabile redazione, vediamo di applicare certe regole “cum grano salis”!

    • EquesFidus says:

      Papa Francesco fa il papa, ed è più preoccupato della povertà spirituale che di quella materiale che dilagano per il mondo: questo perché con di povertà materiale può morire il corpo ma non l’anima, per quella spirituale (sovrabbondante in Occidente) invece vale il contrario. Questo tralasciando il fatto che non basta essere poveri per essere santi: anzi, la povertà materiale non è un merito se non è scelta consapevolmente, è una disgrazia che deve essere combattuta e risolta.
      Detto questo, è sempre un piacere vedere come Tempi.it lasci imperversare i troll: la CEI aveva semplicemente ribadito che non esiste l’obbligo di denuncia per casi di pedofilia nella legislazione italiana e, diciamocela tutta, a ragione. Voglio dire, se sapessi che mio figlio viene molestato dal parroco non andrei dal vescovo ma dal commissario a far denuncia; questo atteggiamento, dilagato negli USA, era in realtà dovuto per lo più a falsi casi usati per ricattare le diocesi ed estorcere denaro in cambio di silenzio per presunti (ma mai avvenuti) abusi.
      Infine, non ho la minima intenzione di farmi dare del malato da un tale che trolla allegramente su Tempi e che fa finta di non vedere il laicismo pedofilo e pederasta tanto caro alla UE e all’ONU, con esponenti come la Lunacek e simili. Ipocriti! Quando si trattava di preti aberranti che si davano a pratiche mostruose tutti a condannare non soltanto i responsabili ma l’intera Chiesa, questi tizi invece dato che sono anticlericali e della parte politica giusta tutti a far finta di non vederli e a lasciarli scorrazzare, liberi di diffondere le loro perversioni e a danneggiare gli innocenti con la loro ideologia, invece di fermarli e metterli in galera! Ma verrà il giorno, quando crederanno di aver conquistato tutto e tutti, in cui il loro trionfo si tramuterà in cenere fra le mani e saranno spazzati via come foglie secche nel vento d’autunno.

      • riequilibrio says:

        TU ti senti “danneggiato” da me e da quelli come me? con che coraggio? TU, cristianucolo, dici che l’ipocrita sono io?
        la “disgrazia che deve essere combattuta e risolta” siete voi, e tutti quelli che vi spalleggiano.
        e giù le mani dai bambini.

        • Su Connottu says:

          paraponziponzipò

        • Cisco says:

          Giù le mani dai bambini, non come quei preti gay che negli USA se la spassavano con i tredicenni!

        • EquesFidus says:

          Non hai risposto nel merito, ma hai continuato a trollare accecato dal tuo odio; quindi sì, sei un ipocrita.
          E cristianucolo lo dici a qualcun altro.

    • domenico b. says:

      Riequilibrio, tu spari sempre e soltanto luoghi comuni. Credi davvero che Obama sia interessato a vincere la povertà? Secondo me è più interessato a eliminare I poveri.
      E prima di affermare che la Chiesa sarebbe omertosa nei casi di pedofilia, vai a leggerti TUTTA la dichiarazione della Cei invece di fermarti ai titoli di repubblica & c.
      Ma io dubito che il tuo cervello riesca a elaborare idee proprie…

    • Barbara says:

      Riequilibrio riequilibriamoci !!! Ne hai bisogno!! Che tu possa vedere nella verità auguri

  2. riequilibrio says:

    siete moralmente pervertiti

    • EquesFidus says:

      Sempre meglio che mentalmente minorati; comuqnue sia, mi chiedo come mai Tempi.it non banni questo trollaccio da quattro soldi.

  3. gionni says:

    Devessere proprio dura fare il giornalista a Tempi e doversi arrampicare sugli specchi per censurare le cose vere, importanti che dice questo Papa.
    Qualche giorno fa ha partecipato ad una manifestazione in favore di una società pulita, contro le mafie, a fianco di chi le combatte ogni giorno nelle strade dei quartieri e città più poveri, ma Tempi non se n’ è accorto.
    Ieri ha espresso in modo perentorio il NO della Chiesa ai politicanti ipocriti, che usano le belle maniere per nascondere volgari abitudini.
    Li ha chiamati “sepolcri imbiancati”. Però Tempi preferisce censurare e parlare d’ altro.
    Quanta rabbia, vero? per quell’ Obama che, invece di continuare a favorire gli Ospedali a pagamento, ha imposto l’ aberrante logica per cui, anche chi non ha soldi, quando si ammala, deve essere curato!
    Penso che questo Papa darà ancora molti dispiaceri a quella società ipocrita che si dice Cristiana ma che in realtà adora solo soldi e potere.

    • giovanna says:

      Disse, Gionni, l’esperto condominiale del menare il can per l’aia !
      Contestare nel merito, no , vero? Troooppo faticoso ! Meglio non abbandonare le solite strade dell’ideologia , così rassicuranti per la propria tranquillità ! Se non fosse per quella tristezza, per quel rancore, per quella faccia verde…così comode !

      • sofia says:

        Sì, gli ideologici fanno copia incolla con le idee sbagliate degli altri. Così fanno poca fatica, ma vanno spesso fuori tema

  4. filomena says:

    Finalmente una voce di buon senso. Basta difendere i politici ipocriti e aggiungo i pregiudicati per frode fiscale e prostituzione minorile.

    • giovanna says:

      Questa è bella, una che ha per sommo principio nella vita lo spasso a spese altrui, che si scandalizza per una improbabile frode fiscale ( che Berlusconi ha dato più lui all’Italia dei moralisti un tanto al kg che guardano solo al loro ombelico ) e addirittura per la protituzione minorile ! Una che i bambini li accoperebbe volentieri in pancia se le limitano la carriera e considera la schiavitù femminile delle donne poverissime nel mondo un affare lecito !
      Ridicolo: anche un ciclostile o robot automatico non dovrebbe superare il limite di decenza ! Riprogrammatelo !

      • giovanna says:

        Vabbè, stasera non è sera, scusate i refusi ! Si vede che la devo piantare e mettermi a leggere
        un bel libro !

      • filomena says:

        Io non faccio nulla a spese altrui puoi star certa. Mi fa piacere scoprire che tu sei una di quegli italiani che approva il pregiudicato. Tutta la moralità che tanto esterni non vale quando si tratta di uno che pubblicamente va al family day e poi la sera si porta a casa minorenni. Ma tanto quello che conta per te é che difenda i valori cristiani, il resto non ti interessa. E cosa ne dici di come tratta le donne, eri tanto preoccupata per le poverette che sono costrette a prostituirsi e quelle delle “cene eleganti” con bunga bunga non ti fanno pena? Ah giá quelle sono escort Che poi abbia fatto qualcosa per gli italiani….si certo danni.
        Comunque rassegnati alle europee non potrà candidarsi e neppure votare.
        E così tanto per la cronaca io sono tutto meno che moralista, per me personaggi di questo tipo possono pure fare sesso con una vongola se la cosa fa loro piacere, poi però non si possono permettere di storcere il muso di fronte a leggi in contrasto con il vaticano o far votare al parlamento che Ruby é la nipote di un capo di stato.
        E’ questa la coerenza che piace tanto a te?

        • giovanna says:

          Trovo semplicemente ridicolo che una che considera i fattacci suoi la cosa più importante del mondo, si metta a moralisteggiare su altri che come lei si fanno i fatti propri. Non ti senti veramente ridicola dopo ciò che hai scritto sul fatto che la vita si debe godere, non si deve soffrire…ecc ecc e poi prendertela con chi se la gode?
          Per me è proprio il contrario: mi interessa l’azione politica, non il pettegolezzo, evidentemente strumentale. Queste femministe da strapazzo che praticano o vorrebbero praticare l’usa e getta delgli uomini , predicano in giro la totale libertà sessuale, a spese della vita di esseri umani, mica carote o cagnolini, che inneggiano alla sessualità libera e precoce, con tanto di manualetti esplicativi e pruriginosi, meglio se lgbtyx, e poi si mettono a fare le bigotte con chi frequenta, forse, diciassettenni…
          Il peccato principale di Berlusconi per programmati come te, è di pensarla diversamente dal pensiero unico corrente, di non essere un illuminato di sinistra, non di certo di frequentare donne ! Ipocrita.

          • filomena says:

            Ma tu leggi quello sta scritto o rispondi con le parole dei berlusconiani a pappagallo? Ti ho detto che non é un problema di moralità bensì di coerenza. Se questo signore si faceva gli affari propri e poi per coerenza approvava quelle leggi che non piacciono a voi forse le sue cene eleganti avrebbero fatto meno scalpore. Poi più pensiero unico (maschilista) di quello del pregiudicato… una cosa é vera però, certo non é un pensiero nuovo, il maschilismo é una piaga sociale che risale alla notte dei tempi

  5. gionni says:

    A chi volevi mandarlo quel messaggio? Cosa c’ entra con le mie osservazioni? C’è un giornale che dice di essere Cattolico che sistematicamente censura le notizie che non gli piacciono.
    Anche quando riguardano il Papa che ha il grave torto di avere un occhio di riguardo per chi sta peggio.
    Le mafie, la corruzione, lo scadimento dei valori morali, l’ ipocrisia di chi pensa che basti una camicia bianca per essere puliti, anche di queste cose Francesco si occupa. Peccato che ad alcuni “Cattolici” tutto ciò non piaccia.
    Io parlavo di queste cose, non so cosa avevi capito con il “menare il can per l’ aia”.
    Giovanna, parlavo di mafie, corruzione, sepolcri imbiancati, un Papa che li esecra e un giornale che cerca di parlare d’ altro.

  6. Carlo says:

    Questo articolo è ideologico, almeno quanto quelli di Repubblica e del Corriere che descrivono un Papa Francesco che non esiste.

  7. marco says:

    Com’è strano…la messa del Papa con i nostri politici voi ve la siete persa…com’è strano…lo sapete che il Papa ha celebrato una messa per i politici italiani in San Pietro?

  8. Michele Brambilla says:

    Ma prendete davvero la redazione per cretina?

    • gionni says:

      Perchè cretina? Direi invece intelligente, dato che informa o censura a secondo della convenienza.
      Come dicevo, ha informato qualche giorno fa della manifestazione di Don Gelmini, davanti a 50 persone di cui metà politici. Non ha informato dell’ altra manifestazione del Papa con Don Ciotti ed altri 50.000 giovani contro le mafie.
      Si è anche dimenticato del rimbrotto di Papa Francesco ai 500 politici, sul tema della corruzione.
      Perciò, Tempi non è affatto un giornale cretino.

  9. Michele Brambilla says:

    Tempi segue molto meglio il Papa di voi, chd di cristiano non avete nulla e di Chiesa capite ancora meno. E questo senza essere nella redazione, ma per giustizia.

  10. Roberto says:

    L’aver sottolineato alcuni aspetti che stanno a cuore al Papa, non significa che trascuri gli altri.
    Basta leggere la sua storia pastorale in Argentina.
    Tutti sono a cuore al Papa. Tutti vanno affrontati. Abbiamo mai sentito parlare nella Chiesa dell’ “opzione preferenziale per i poveri”? “Desidero una Chiesa povera per i poveri” (Papa Francesco)

    • gionni says:

      Certo, peccato che Tempi tenda a distrarsi troppo spesso quando il Papa parla di queste cose.

  11. michele says:

    È solo una impressione. I media laici insistono molto sulle tirate anticorruzione anche con lo scopo dichiarato di appiattire il pontificato suvquei temi eticamente comodi. Si vuole contrapporre Francesco a Benedetto e fingerd che ignori i valori non negoziabili. Si è visto!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tutto quello che c'è da sapere sull'auto formato business, dalle motorizzazioni che vanno di più agli optional irrunciabili, passando per carrozzerie e colori

L'articolo Auto aziendale, come scegliere quella giusta? proviene da RED Live.

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.