Mutui per le imprese: ecco cosa sono e quali le tipologie

I mutui per le imprese sono finanziamenti a medio-lungo termine dedicati a sostenere le diverse esigenze finanziarie e di investimento inerenti l’attività d’impresa. Si può scegliere tra diverse tipologie di mutuo, così come può essere diverso il tasso ufficiale di riferimento.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il mutuo per le imprese è uno strumento importante per dare supporto alle operazioni aziendali a medio/lungo termine. Si tratta infatti di finanziamenti a medio-lungo termine con durata massima pari a 10-15 anni, erogabili anche a stato avanzamento lavori e dedicati a sostenere le diverse esigenze finanziarie e di investimento inerenti l’attività d’impresa.

Le forme di mutuo a cui può accedere un’impresa si differenziano per alcuni principi base, quali tempi, modalità di pagamento, tipologia di tasso. Il mutuo classico, più diffuso, è quello ipotecario per spese immobiliari o per l’acquisto di impianti e macchinari. In questo caso il mutuo viene garantito da un’ipoteca su un immobile.

Il mutuo stagionale è un finanziamento destinato ad aziende che operano nel settore turistico o nel comparto agricolo e agroindustriale, con ricavi particolarmente concentrati in un periodo dell’anno. Viene pertanto reso possibile il rimborso annuale delle quote capitale con scadenza ritenuta più utile dall’impresa, sulla base dei propri flussi di cassa. Per tal motivo il rimborso può coincidere con il periodo di svolgimento delle attività.

I mutui di ricapitalizzazione aziendale sono finanziamenti destinati alla ricapitalizzazione dell’azienda. E’ possibile finanziare fino al 100% dell’aumento di capitale deliberato, con operazioni di durata massima di 10-15 anni. E’ volto, dunque, a riscadenzare i debiti bancari a breve  e a riequilibrare le passività.

I mutui edilizi a SAL sono finalizzati a ristrutturazioni o costruzioni di immobili che prevedono tuttavia la normale procedura della garanzia ipotecaria. Il mutuo viene erogato in diverse tranche che variano in base allo stato di avanzamento dei lavori. I mutui chirografari sono generalmente erogati a grandi gruppi che non sono assistiti da alcuna garanzia, ma esiste solo un documento siglato con la firma del contraente.

Il tasso ufficiale di riferimento (TUR) varia a seconda della tipologia di tasso sul mutuo prescelta, se a tasso fisso o variabile. Nel primo caso il TUR sarà l’EuroIRS (o semplicemente IRS), nel secondo caso l’Euribor o tasso BCE. Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso, degli importi delle singole rate, e dell’ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalle variazioni delle condizioni di mercato, mentre il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti dell’importo delle rate.

mutui.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •