Matrimonio gay in Irlanda. Cardinale Parolin: «Sconfitta dell’umanità, non solo dei principi cristiani»

Il segretario di Stato Vaticano ha risposto ieri sera alle domande dei giornalisti: «Sono rimasto molto triste di questi risultati»

L’approvazione del matrimonio gay in Irlanda «non è soltanto una sconfitta dei principi cristiani, è una sconfitta dell’umanità». Così ieri sera si è espresso il segretario di Stato Vaticano, Pietro Parolin, sul referendum che ha modificato la Costituzione introducendo le nozze gay nel paese a tradizione cattolica.

«EVANGELIZZARE». Parlando con i giornalisti al termine della Conferenza internazionale promossa dalla Fondazione Centesimus annus, il cardinale ha dichiarato: «Sono rimasto molto triste di questi risultati in Irlanda. Certo come ha detto il vescovo di Dublino bisogna tenere conto di questa realtà, ma a mio parere, deve tenerne conto nel senso che deve rafforzare l’impegno e lo sforzo per evangelizzare. Io credo che si possa parlare non soltanto di una sconfitta dei principi cristiani ma di una sconfitta dell’umanità».

FAMIGLIA AL CENTRO. Il segretario di Stato ha fatto anche una battuta sul Sinodo: «La famiglia per noi rimane il centro. Dobbiamo veramente fare di tutto per difenderla, tutelarla e promuoverla, perché è il futuro dell’umanità e della Chiesa».

Foto Ansa