Google+

La piccola (ma sorprendente) rinascita cristiana del Marocco raccontata da un convertito

marzo 27, 2015 Benedetta Frigerio

Abd-al-Halim, medico e coordinatore della Chiesa anglicana, spiega il “boom” di conversioni dall’islam. Un fenomeno che non ha nulla a che fare col proselitismo

chiesa-marocco-shutterstock_1994058Proprio mentre il fondamentalismo islamico conquista terreno con le armi dei jihadisti, in uno dei più importanti paesi a maggioranza musulmana, il Marocco, aumentano le conversioni al cristianesimo. Lo spiega in una intervista al sito Aleteia.org Abd-al-Halim, medico di 57 anni, convertitosi al cristianesimo quando ne aveva 41.

NON SOLO POVERI. Abd-al-Halim è il coordinatore della Chiesa anglicana marocchina, una realtà che – spiega l’uomo – sta crescendo rapidamente: circa 16 anni fa gli anglicani erano 400 nel paese, oggi la comunità è triplicata superando i mille fedeli. L’incremento delle conversioni è cominciato negli anni Novanta, ma negli ultimi 4 anni c’è stata un’accelerata che ha portato a oltre 400 nuovi ingressi nella comunità. E non corrisponde alla realtà la vulgata locale secondo la quale gli anglicani “sfruttano la povertà” offrendo aiuti per attrarre gli indigenti: il medico spiega che la maggior parte dei convertiti dall’islam appartengono al contrario alla classe medio alta. Si tratta per lo più di ingegneri, artisti, impresari, soldati, ma anche casalinghe e studenti, tutti accomunati dalla percezione di «un islam restrittivo, fondato su una dottrina errata» e «del cristianesimo come religione della tolleranza e dell’amore».

IN SEMICLANDESTINITÀ. È questo secondo Abd-al-Halim il motivo per cui le conversioni sono in aumento, nonostante in Marocco, dove l’islam è la religione di Stato, il proselitismo sia vietato. Infatti, sebbene a Marrakesh ci siano 7 chiese ufficiali, 6 a Casablanca, 5 a Rabat e una a Laayoune, e sebbene il paese sia considerato trai i più aperti del mondo islamico, i cristiani neofiti si devono nascondere. «Possiamo praticare la religione solo in segreto», racconta Halim. «Per ragioni di sicurezza siamo costretti ad operare come se fossimo un’associazione segreta. E quando una chiesa cresce troppo (più di 20 persone) si deve dividere in due entità in modo da evitare di attirare l’attenzione». I cristiani si incontrano quindi nelle case: «Dobbiamo essere discreti perché la maggioranza delle persone non tollera il fatto che siamo arabi ma non musulmani. Il maggior pericolo che corriamo viene dall’ignoranza». Anche la legge concorre a determinare il clima di sospetto, visto che l’articolo 220 del codice penale marocchino punisce il proselitismo con il carcere da sei mesi a tre anni. E sebbene il re Mohamed VI sia un sovrano liberale, il leader del Consiglio dei teologi di Casablanca, Radwan Bin Shakrun, ricorda che «l’apostasia è il peccato più grave che un musulmano possa commettere».

UN TREND SENZA PRECEDENTI. Sebbene non sia raro che i cristiani e i convertiti subiscano ingiuste persecuzioni giudiziarie anche nel “moderato” Marocco, il fenomeno registrato da Abd-al-Halim sembra essere ormai un chiaro trend. «Ciò che Dio sta facendo in Nord Africa non ha precedenti nella storia missionaria», ha detto un anno fa al Cbn il regista Tino Qahoush, laureatosi alla Regent University di Londra, mentre girava la regione proprio per documentare questo “ritorno” al cristianesimo. «Ho il privilegio di registrare testimonianze e di ascoltare in diretta storie di uomini e donne, di tutte le età, che hanno visto apparire davanti ai propri occhi la presenza reale di Dio, come una visione, mentre altri mi hanno raccontato di come per loro la conversione sia tutt’altro che una semplice luce che appare». Che si tratti di episodi mistici o di incontri più “ordinari”, Qahoush non può evitare di domandarsi «come mai Gesù visiti il mondo musulmano in questo momento storico».

Foto chiesa Marocco da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Sascha says:

    Le cellule islamista stanno tranquille finché la monarchia le tiene a bada ma prima o poi qualche zelante imam tuonerà dal pulpito della sua moschea contro gli infedeli occidentali e gli apostati maghrebini istigando la folla a fare giustizia la dove lo Stato non intende agire.
    Un tempo il Marocco era cristiano, informatevi sui berberi, non sarebbe neanche un paese arabo in realtà. I berberi sono geneticamente legati alle popolazioni europee. Berbero era Sant’Agostino. esistono movimenti nazionalisti berberi nel Nordafrica

  2. Ale says:

    ..visita il mondo musulmano forse perché ha orrore delle carneficine fatte?! Speriamo che abbiano tutti visioni mistiche sullo stile di San Paolo che da persecutore divenne cristiano..magari proprio quelli dell’Isis.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.