Google+

Cina, il “metodo Trump” funziona. Dopo i dazi, applichiamolo ai diritti umani

maggio 22, 2018 Leone Grotti

Potrebbe essere già finita la guerra dei dazi, a riprova che l’unico modo per trattare con il governo comunista è fare la voce grossa. Se la Germania vuole davvero salvare Liu Xia, deve copiare l’odiato tycoon.

Doveva essere uno scontro epocale che avrebbe cambiato per sempre i rapporti economici tra nazioni in tutto il mondo, invece la guerra dei dazi sembra già finita. Stati Uniti e Cina hanno concordato di «prendere misure efficaci per ridurre in modo sostanziale il deficit degli Usa nel commercio» con il Dragone. Dopo giorni di trattative tra delegazioni ai massimi livelli a Washington, è stata rilasciata una dichiarazione congiunta sino-americana che lascia ben sperare.

SOSPESI I DAZI. Pechino è famosa per non mantenere le promesse e gli annunci (il recente caso degli uiguri rinchiusi nei centri di rieducazione attraverso il lavoro insegna), quindi bisogna prendere con le molle le dichiarazioni di questi giorni. Usa e Cina hanno però sospeso i dazi da centinaia di miliardi di dollari applicati sulle rispettive merci. Inoltre, per ridurre il surplus commerciale che il Dragone vanta nei confronti degli Stati Uniti (375 miliardi circa), la Cina ha promesso di acquistare più merci americane (e di conseguenza meno merci europee) e di approvare leggi e regolamenti per tutelare la proprietà intellettuale.

IL “METODO TRUMP”. Magari il deficit commerciale americano verso la Cina non si ridurrà di 200 miliardi di dollari, come annunciato trionfalmente e prematuramente dall’amministrazione Trump pochi giorni fa, resta però un dato politico: la scelta del tycoon di fare la voce grossa con Pechino, approvando misure impensabili (il ritorno ai dazi) nel panorama economico mondiale, ha dato i suoi frutti. Trump ha costretto il governo comunista a sedersi al tavolo per trattare e anche se gli Usa otterranno meno di quanto annunciato in questi giorni, il leader repubblicano ha dimostrato al mondo che a volte è necessario rischiare di andare allo scontro, magari anche rimettendoci, per far rientrare nei ranghi la seconda potenza economica mondiale.

SALVIAMO LIU XIA. Sarebbe ora che il “metodo Trump” venisse applicato anche ai diritti umani. Tutto il mondo si è commosso ascoltando poche settimane fa la voce disperata di Liu Xia – moglie del defunto premio Nobel lasciato morire in prigione Liu Xiaobo -, agli arresti domiciliari dal 2010, nonostante non vi sia alcuna accusa formale contro di lei. La poetessa minaccia di lasciarsi morire se non le verrà restituita la libertà. Un gruppo di premi Nobel ha lanciato un appello pubblico per chiedere al regime di rilasciarla, ma Pechino ha fatto spallucce ignorando la richiesta.

L’EMPATIA TEDESCA. La Germania si è già detta disponibile ad accogliere Liu Xia. Da anni Berlino dimostra un’encomiabile empatia nei confronti della donna e del marito defunto. Mentre il partito comunista lasciava morire di cancro Liu Xiaobo, impedendo le cure, il governo tedesco aveva chiesto a Pechino di permettere ai due di espatriare. Invano. Ora rinnova la richiesta alla Cina di lasciare andare almeno Liu Xia, ma il regime da quell’orecchio non ci sente.

IL CASO G20. La Germania dovrebbe utilizzare il “metodo Trump” e non accontentarsi di fare bella figura agli occhi del mondo, facendo finta di avere cuore la vicenda della donna perseguitata ma senza mettere davvero in gioco i propri interessi. Nel luglio scorso, quando la vita di Liu Xiaobo era appesa un filo, Angela Merkel si disse «preoccupata» per il suo caso. Ma quando il presidente Xi Jinping si presentò al G20 di Amburgo, lo stesso mese, non sollevò neanche il problema, se non (forse) in privato per non infastidire il leader cinese. Ovviamente non ha ottenuto nulla, in compenso ha firmato ricchi accordi commerciali.

LE PAROLE NON BASTANO. In questi giorni la cancelliera torna in Cina per l’11ma volta dal 2005 e nonostante sia preoccupata dall’arroganza commerciale cinese tanto quanto gli Stati Uniti, sembra che non alzerà la voce, limitandosi a firmare altre ricche partnership industriali prestando il fianco a Pechino per l’ennesima volta. Magari rinnoverà l’appello per liberare Liu Xia, ma non servirà a niente. Con il Dragone bisogna rischiare e sfidarlo a viso aperto, se si vuole ottenere qualcosa. Trump insegna, ma al presidente americano di Liu Xia importa poco o nulla. Se Merkel vuole continuare a rivendicare la sua diversità antropologica, agisca con i fatti. Farsi belli con i diritti umani, solo a parole, non serve a niente.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.