Da una rockstar dei fornelli

hotel-krizman-monrupino-foto-tommaso-farina-1

Pubblichiamo la rubrica di Tommaso Farina contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

«Vorrei dirvi: sono nato in carso». Così Scipio Slataper iniziava la sua autobiografia romanzata, intitolata appunto Il mio Carso. Il nome del Carso, dall’autore, in questo caso è scritto con la lettera minuscola: per Slataper, “Carso” era un nome comune.

Muovendosi nel Carso triestino, coi cartelli bilingui in italiano e in sloveno, qualcosa della prosa di Slataper salta alla mente: un contesto boschivo, rurale, semplice. Il tutto, irraggiato da una cucina che fa la gioia di ogni viaggiatore goloso.

Proprio qui, a Monrupino, anzi a Repen, come si dice in sloveno, Elvis Guštin è la rockstar dei fornelli. È lui a mandare avanti, con sua sorella Tiziana, l’Hotel Križman: un albergo con ristoro che esiste addirittura dal 1906. Elvis è discendente della famiglia Križman capostipite, e vi nutrirà con grande amore e perizia, proponendo una carta di specialità carsoline e triestine in questo ambiente grande e annoso oppure, ancora meglio, sotto i fronzuti ippocastani del cortile.

L’antipasto è per il prosciutto del Carso a coltello; le tortine di verdure di stagione; l’insalata di pollo cotta a bassa temperatura; la ben stagionata lonza di maiale accompagnata da un gelato di kren, omaggio al condimento nazionale triestino.

hotel-krizman-monrupino-foto-tommaso-farina-2Avanti poi coi garganelli con asparagi e pancetta; i “blekj” (maltagliati parenti dei friulani “blecs”) con zucchine e pomodori; gli gnocchi di albicocche, austroungarici quanto mai; il golosissimo strucolo, ossia un rotolo di ricotta e spinaci che è corposo e leggero al tempo stesso.

Impossibile non proseguire con secondi “di corpo”, come il filetto di maiale con miele e cren; il brasato al Terrano; il pollo fritto. Il tutto, affiancato dai kipfel o dalle mitiche patate in tecia.

Dolce la chiusura con la “ghibaniza” di ricotta, mele e noci.

Elvis è appassionato di vini: non mancano le bottiglie del Carso, servite anche a calice singolo e a prezzi minimi. Come lo è il conto: 30 euro. A esagerare, arrivate a 35 senza vino. Evviva il Carso, evviva Trieste.

Per informazioni
Hotel Križman
www.hotelkrizman.eu
Loc. Repen, 76 – Monrupino (Trieste)
Tel. 040.327115
Chiuso lunedì a pranzo e tutto il martedì

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •