Affonda il decreto “Salva Ilva”. Purtroppo avevamo ragione noi

Come avevamo previsto dieci mesi fa, il tribunale federale di Bellinzona si è opposto al rientro dei capitali sequestrati alla famiglia Riva.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

acciaieria-sh-192755975

Il tribunale svizzero si oppone al rientro dei capitali sequestrati alla famiglia Riva. E così decreta anche il fallimento del decreto Renzi “salva Ilva”. Decreto approvato agli inizi dell’anno in corso, che contava di utilizzare i soldi degli ex proprietari dell’acciaieria per far ripartire l’azienda. Oggi quel provvedimento approvato dal governo Renzi e votato in parlamento, rischia di trasformarsi nella pietra tombale messa sulla ex più grande acciaieria d’Europa. Nella perdita secca di migliaia di posti di lavoro. E, visto che l’Ilva è stimata pesare quasi mezzo punto sul Pil italiano, nell’azzeramento della nostra ripresa economica. Tutto come (purtroppo) previsto da Tempi dieci mesi orsono.

tempi-taranto-ilvaRicapitolando: per “salvare” un colosso dell’acciaieria mondiale smontato pezzo a pezzo dalla procura di Taranto con una raffica di procedimenti e sequestri che negli ultimi anni hanno provocato il collasso della produzione e impedito di fatto anche la possibilità di applicazione di severissime norme ambientali, il decreto Renzi contava di recuperare 1,2 miliardi agli ex proprietari dall’azienda.
«Il nocciolo delle risorse sta nel conto Riva bloccato in Svizzera» scrivevamo all’indomani del decreto che nel febbraio scorso si proponeva di rimettere in sesto qualche pezzo d’acciaieria e, soprattutto, salvare qualcosa come quindici mila posti di lavoro, tra Taranto e indotto.

Per raggiungere l’obiettivo Renzi contava appunto di utilizzare questi 1,2 miliardi dei Riva, depositati su un conto svizzero e fatti sequestrare dalla Procura di Milano nell’ambito di un processo in cui gli ex proprietari dell’Ilva sono accusati di truffa e riciclaggio.
Niente a che vedere con il caso dell’acciaieria dichiarata in stato di insolvenza dopo un triennio di “cura” giudiziaria, “espropriata” e “nazionalizzata” con la messa in amministrazione straordinaria sotto l’ombrello della “Legge Marzano”. Ma i soldi, come si sa, non puzzano. Si trattava solo di capire come sbloccarli dalla Svizzera e metterli sul piatto del “rilancio” di un’azienda che non paga più i fornitori e in tre anni è stata ridotta sul lastrico grazie all’incredibile scontro tra potere giudiziario e potere esecutivo (con trionfo, naturalmente, della Procura tarantina).

Da perfetti ignoranti del diritto quali siamo, così, a naso, ci eravamo permessi di dubitare delle certezze granitiche del procuratore generale di Milano Francesco Greco. Ispiratore dell’emendamento fatto proprio dal governo che considerava cosa fatta l’utilizzo degli 1,2 miliardi dei Riva e quindi li convertiva in “obbligazioni”. Che i giudici elvetici fossero disposti a rendere disponibile la cifra sequestrata prima di una sentenza passata in giudicato, ci sembrava una scommessa un po’ rischiosa. Ci chiedevamo infatti a quale quadro di Stato di diritto si ispirassero le veline governative che davano per «ipotesi molto remota che i Riva possano alla fine risultare vincitori delle diverse cause penali pendenti» (Ansa). E aggiungevamo che «porre sotto lo scudo della ragione di stato un sequestro avvenuto con una sentenza che deve ancora passare al vaglio di (due) altri gradi di giudizio, come minimo rappresenta una neanche troppo lieve pressione nei confronti dei giudici a cui spetterà la valutazione del caso in appello e, probabilmente, in Cassazione».

Detto fatto, martedì 24 novembre, il tribunale federale di Bellinzona ha confermato le nostre previsioni e mandato gambe all’aria il già risibile piano governativo di salvataggio dell’acciaieria. Accogliendo il ricorso delle figlie di Emilio Riva, i giudici del tribunale elvetico hanno dichiarato “irricevibile” la richiesta di far rientrare in Italia gli 1,2 miliardi di euro. Per i magistrati svizzeri l’utilizzazione da parte dello Stato italiano di questi soldi «costituirebbe un’espropriazione senza un giudizio penale».

Foto acciaieria da Shutterstock


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •