Google+

Zecchi: «Italia – Germania è solo una partita di calcio, a che serve riesumare la storia?»

giugno 28, 2012 Carlo Candiani

Intervista al professore di estetica Stefano Zecchi: «Basta luoghi comuni, il calcio è solo calcio. Intanto, speriamo di battere la Germania, come in tutte le sfide precedenti».

L’attesa per la semifinale agli Europei fra Italia e Germania è contrassegnata in questi giorni da argomenti che esulano dalla pura critica sportiva. Politica, cultura, ma soprattutto i classici luoghi comuni si intersecano con i gol sul campo da gioco. Insomma, Italia – Germania è molto più di una partita di calcio o è un trappolone fatto di sentimentalismi? Per Stefano Zecchi, docente di estetica all’Università Statale di Milano: «Si tratta di auditel, di share. Alla fine è una questione di cui tutti devono occuparsi indistintamente. Spesso la politica si è servita del calcio, specie della Nazionale, per farsi accettare dal popolo. Ma rimane sempre una partita di calcio. Non capisco come mai si debba addirittura riesumare la storia: c’è una rivalità sportiva che in questo caso richiama rapporti storici non esattamente idilliaci, ma in maniera molto indeterminata».

Resiste la fiera dei luoghi comuni?
Sempre meno, forse perché passano le generazioni e alcune immagini negative dell’una e dell’altra nazione sembrano sempre più sfocate.

Da giorni sulle reti televisive stanno andando in onda le immagini delle precedenti sfide tra le due nazionali. Ma possibile che in Italia la memoria storica riguardi solo il calcio?
Il calcio è una realtà ineludibile. Se non conosco una persona e sono costretto a iniziare un discorso, l’unica cosa che posso fare è parlare di calcio. D’altronde, basta guardare il picco di ascolti delle telecronache delle partite. Italia – Inghilterra ha fatto registrare un record, che la partita di questa sera probabilmente batterà.

L’impressione però è che l’Italia calcistica sia amata solo nelle grandi imprese.
Non direi. Negli anni Sessanta e Settanta le uniche manifestazioni in cui sventolava il tricolore erano i cortei del Movimento Sociale e durante i mondiali di calcio. Adesso son diventati tutti patrioti: anche il presidente Napolitano, fiero internazionalista tanti anni fa, oggi di fronte al tricolore e alla Patria si commuove. È una realtà positiva, che ha sconfitto tante stupide ideologie.

Mario Sconcerti sul Corriere della sera parla di una Germania che in questi anni si è dimostrata più pronta, rispetto all’Italia, nell’accogliere un disegno multiculturalista: lo si evince scorrendo i nomi dei calciatori tra le fila della loro squadra.
Non sono d’accordo, è una forzatura. È un modo di ideologizzare un fenomeno sociale, che l’Europa cerca di affrontare con la miglior accoglienza possibile. Quando si parla di calciatori, l’importante è che sappiano giocare bene e non che siano scelti perché espressione di culture diverse.

Stasera tutti davanti allo schermo per assistere alla rigidità tattica tedesca contro l’imprevedibilità e la fantasia italiana.
Quello che ha appena enunciato è il classico sentimento comune: noi ingegnosi e fantasiosi, loro logici e razionali, quindi freddi e incapaci di far fronte all’imprevedibile. Io ho visto una bella Germania, mentre l’Italia invece ha problemi di realizzazione in attacco. È pur vero che tutte le volte che la Germania ci ha incontrato è sempre finita male. Non mi dispiacerebbe che accadesse anche stavolta.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana