Google+

«Verificate voi stessi, finalmente!». Cosa serve alla nostra scuola

gennaio 25, 2017 Emanuele Boffi

Quel che manca nella scuola italiana è questo: insegnanti che provochino la libertà degli studenti

scuola-primo-giorno-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Prima Susanna Tamaro, poi Ernesto Galli della Loggia hanno scritto sul Corriere della Sera articoli sulla scuola. O meglio: articoli che mettevano sotto un cono di luce «l’emergenza educativa» di una gioventù che, prima ancora che un po’ ignorante (i congiuntivi di Di Maio) pare a tutti spaesata e fragile, cani perduti senza collare.

Galli della Loggia ha scritto cose sagge e condivisibili: la scuola italiana nata per «sottrarre la formazione dei giovani dall’egemonia cattolica», l’attuale «accozzaglia di progetti, corsi e attività», l’illusione che per educare bastino gli esperti, gli errori della politica, il finto mito della «neutralità». È tutto tragicamente vero, purtroppo, ma il punto è che non si può salvare la scuola pensando che basti solo – ripetiamo: solo – un progetto nuovo che rifugga gli stereotipi del politicamente corretto.

Cosa occorre? Nella nuova edizione de Sulle tracce di Cristo, Manuela Cantoni Camerini racconta il suo primo incontro negli anni Sessanta con don Luigi Giussani al Liceo Berchet di Milano. Lei, ebrea, si ritrovò in classe quella «forza della natura» che asseriva senza mezzi termini che «la Verità è una». Giussani invitò Cantoni a «verificare» quel che diceva. Provocata («tu di ebraismo non sai niente! Non si può essere ebrei solo perché lo sono i genitori: verifica te stessa, finalmente!»), riscoprì per sé i fondamenti di una fede data per scontata. Quel che manca nella scuola italiana è questo: insegnanti che provochino la libertà degli studenti. Se si propone onestamente questo lavoro si può parlare di tutto, anche di gender. Se non c’è questa libertà – e gente disposta a rischiare su questa libertà – la scuola è solo un posto anonimo dove trascorrere del tempo, uno scomodo parcheggio davanti al supermercato del mondo.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download