Google+

Ucraina, non possiamo «criticare la Russia» e «usare i droni in Pakistan». L’America, sempre più debole, si auto-accusa

marzo 5, 2014 Redazione

Durissimo editoriale del Washington Post contro Obama e gli Stati Uniti: «Francamente, non abbiamo molti motivi per insistere sull’assoluto rispetto dell’integrità territoriale di uno Stato sovrano»

«Siamo realisti. Un conto è dire che la presa della penisola di Crimea da parte della Russia “è inammissibile”, un altro è fare qualcosa». L’editoriale pubblicato dal Washington Post (Wp) a firma Eugene Robinson lo scorso 4 marzo non è di quelli che si leggono tutti i giorni: «Solo a me la retorica sulla crisi ucraina suona come se tutta Washington soffrisse di amnesia?».

«CI SIAMO DIMENTICATI L’IRAQ?». «Si aspettano che noi – continua Robinson – restiamo scioccati perché una grande potenza militare ha usato un pretesto per invadere una nazione più debole e piccola?». Ci siamo forse «dimenticati dell’Iraq?». L’editorialista del Wp mette in chiaro di essere dalla parte del «legittimo governo ucraino e non con il regime neo-imperialista della Russia», ma critica senza mezzi termini gli Stati Uniti: «Francamente, non abbiamo molti motivi per insistere sull’assoluto rispetto dell’integrità territoriale di uno Stato sovrano».

ATTACCHI CON I DRONI. L’America, dopo aver perso su tutta la linea la sfida con Putin in Siria, ormai passa il tempo ad auto-accusarsi per gli interventi in «Iraq, Afghanistan, la Guerra del Golfo, Panama, Grenada», come dimostra l’editoriale di Robinson. Mentre «condanniamo Mosca per la oltraggiosa aggressione, ci riserviamo il diritto di lanciare missili mortali in Pakistan, Yemen, Somalia e chissà in quanti altri posti».

SERVE LA POLITICA. Il Wp continua criticando l’aggressione “verbale” di Obama: «Non ha senso sguainare la sciabola quando tutto il mondo sa che non hai nessuna intenzione di usarla. Nessuna credibile minaccia militare degli Usa potrebbe costringere Putin a lasciare la Crimea se non vuole». Per cui, «se l’obiettivo è quello di persuadere la Russia a restituire la Crimea, il primo passo necessario è cercare di capire perché Putin se l’è presa».

«SE PUTIN È FURBO». Quello che Robinson chiede a Obama e al suo paese, insomma, è di fare politica: «Il problema è se c’è un modo di rovesciare la bilancia nell’analisi costi-benefici di Putin». Cacciare la Russia dal G8, in questo senso, è inutile così come imporre sanzioni economiche. «Se Putin ha perso il contatto con la realtà, come ha detto la cancelliera Merkel in una conversazione con Obama, allora non c’è niente da fare. Ma se Putin è furbo, offrirà una soluzione: la Russia si tiene la Crimea per sé o in comproprietà, l’Ucraina e le altre ex repubbliche sovietiche si ricordano che Mosca sta alla finestra e tutti quanti ci diamo una calmata. È triste per l’Ucraina, ma questo è un accordo che il mondo potrebbe essere disposto ad accettare».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana