Google+

Siria, il leader di Al Qaeda chiede a tutti gli jihadisti di unirsi e porre fine agli scontri fratricidi

gennaio 23, 2014 Redazione

In un messaggio Al Zawahri ha dichiarato: «Chiediamo ai nostri fratelli in tutti i gruppi jihadisti (…) di lavorare per la fine di questa sommossa»

Il leader di Al Qaeda Ayman Al Zawahri ha chiesto a tutte le fazioni islamiche e jihadiste che combattono in Siria di non farsi più la guerra a vicenda e concentrarsi contro il regime di Bashar Al Assad.

BASTA SCONTRI TRA JIHADISTI. In una registrazione audio diffusa su un sito islamico afferma: «I nostri cuori e i cuori della nazione (musulmana), che ripone le sue speranze in voi, hanno sanguinato per gli scontri che si sono diffusi tra le fila di coloro che combattono il jihad per l’Islam». Il leader di Al Qaeda fa riferimento agli scontri tra lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil), le brigate di Al Nusra e Fronte islamico e i ribelli, che hanno causato la morte di oltre mille persone in poco più di due settimane.
«Chiediamo ai nostri fratelli – conclude Al Zawahri – in tutti i gruppi jihadisti (…) di lavorare per la fine di questa sommossa, che ci porterà solo Dio sa cosa».

GINEVRA II. Il leader di Al Qaeda non fa in alcun modo riferimento alla Conferenza di Ginevra II, cominciata ieri per trovare una soluzione al conflitto siriano che dura da quasi tre anni. Il timore è che qualunque decisione venga presa, anche qualora si arrivasse a un cessate il fuoco condiviso questo non sarebbe rispettato.
La Coalizione nazionale siriana, infatti, controlla al massimo 20 mila dei 100 mila guerriglieri che combattono nel paese, in maggioranza islamisti finanziati dall’Arabia Saudita e jihadisti. Che non rispondono certo ai politici riuniti in Svizzera.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Alessio 1977 says:

    E’ strano che nessun parruccone nostrano od arabo abbia avuto l’idea di proporre l’invito di Al zawahiri alla conferenza di Ginevra.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.