Google+

Siria. I musulmani di Raqqa: «Viviamo nella paura e nel terrore. I ribelli impongono la sharia»

febbraio 20, 2014 Leone Grotti

Il Guardian entra nella città occupata dai ribelli islamisti e racconta il terrore dei cittadini. Imposizione del velo, divieto di ascoltare musica e fumare, persecuzioni e frustate per chi non si piega

raqqa-isil-cristiani-siria«Le donne ora sono obbligate a vestire il niqab [velo integrale, ndr]. Molte sono state frustate e anche giustiziate in pubblico per non averlo portato». A raccontare la nuova quotidianità nella città di Raqqa è una donna velata, il cui volto è stato oscurato per sicurezza. Un breve ma preziosissimo video reportage del Guardian, che si è recato con le telecamere nella città occupata dallo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil), mostra bene come si vive nella nuova Siria “liberata” governata dalla nuova dittatura islamica.

«VIVIAMO NEL TERRORE». La donna che parla è musulmana, il velo probabilmente lo portava già prima, ma non apprezza l’occupazione degli islamisti che hanno imposto la sharia: «L’islam qui non è la sola religione, bisogna rispettare anche le altre. Oggi viviamo in uno stato di paura e terrore. Io mi chiedo: chi ha dato il diritto all’Isil di imporci queste cose? Noi siamo musulmani ma la nostra religione guida la vita delle persone, non può essere imposta con la forza».


RAQQA SENZA CRISTIANI. Tra le altre religioni del paese c’è il cristianesimo. I miliziani hanno bruciato Bibbie, occupato chiese e sostituito le croci con bandiere inneggianti al jihad. «Il velo integrale potrà essere imposto ai musulmani ma non ai cristiani», racconta di spalle una ragazza cristiana. «Molti cristiani sono stati costretti a lasciare le loro case e il paese. Anche quando mi affaccio dal balcone di casa mia devo mettermi il velo».

raqqa-isil-cristiani-siria1«CHI FUMA VIENE FRUSTATO». Non solo le donne sono state obbligate a seguire regole fino ad oggi sconosciute nella Siria di Assad, dove le religioni venivano rispettate ma lo Stato era laico. «Mi piaceva ascoltare in macchina la musica e il Corano», racconta al Guardian un automobilista.
«L’Isil però ha bandito la musica e ora sono costretto ad ascoltare solo il Corano. Anche le sigarette sono state bandite: se qualcuno viene trovato con un pacchetto di sigarette per strada si becca un paio di frustate. Hanno proibito la vendita dovunque, se trovano un locale dove vengono vendute lo bruciano, imprigionano il negoziante e lo frustano».

RIBELLI SPACCATI. L’Isil è la fazione principale e meglio armata in Sira a cercare di rovesciare il regime di Assad. In questi giorni il presidente degli Stati Uniti Barack Obama sta di nuovo studiando l’ipotesi di armare con equipaggiamenti pesanti e letali la ribellione. Non quella qaedista, certo, ma quella “buona” del Libero esercito siriano. Che però non se la passa molto bene visto che la Coalizione nazionale siriana (Cnr) si è appena spaccata in due, con una parte che accusa l’altra di «colpo di Stato militare».

PERCHÉ GINEVRA II È FALLITA. All’origine della divisione, la decisione del ministro della Difesa del Cnr Assaad Mustafa di rimuovere dal suo incarico il generale dell’esercito ribelle Salim Idriss, che non sarebbe in grado di far fronte alle «difficoltà incontrate dalla rivoluzione siriana».
Idriss ha protestato contro una decisione definita «illegittima e non valida» e i cinque comandanti dei battaglioni ribelli sul campo, denunciando il «colpo di Stato militare», hanno annunciato che continueranno a seguire le istruzioni di Idriss e non del nuovo generale appena nominato Abdel Ilah al-Bashir, visto che il Cnr, lo stesso che si è recato a Ginevra per i colloqui di pace, «non conta niente». Qualcuno si stupisce ancora del fallimento di Ginevra II?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si candida per il ruolo di protagonista nel segmento crossover di media cilindrata. Finiture e qualità sono all'altezza del marchio. Agile e leggera, offre una guida molto divertente e con poco impegno. Non si tira indietro se si tratta di viaggiare. Le manca solo un monoammortizzatore più completo

Disponibile in oltre 60 città italiane e 300 europee permette di gestire tutte le operazioni relative alla sosta, pagamento compreso.

Una rassegna espositiva racconta gli straordinari artigiani che nel ‘900 fecero della bicicletta un'opera d’arte, i grandi giornalisti che contribuirono alla nascita del giornalismo sportivo, i personaggi che lanciarono le due ruote e gli eroi del pedale che ne immortalarono il mito.

Il restyling della cinque porte bavarese porta in dote un aggiornamento della connettività e dei servizi d’infotainment sulla falsariga di quanto introdotto dalla nuova Serie 3. Gamma motori da 150 a 326 cv e consumi ridotti del 14% rispetto al passato.

Il prezzo d’attacco è prossimo a 10.000 euro, ma non per questo sono una scelta povera. Ecco una guida alle utilitarie più economiche, performanti e meglio accessoriate.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana