Google+

Se Finkielkraut fosse Hollande si dimetterebbe. Ma prima pronuncerebbe questo discorso contro i “guardoni”

settembre 11, 2014 Redazione

La politica moderna si fonda sulla separazione tra vita privata e pubblica, osserva il filosofo. Le rivelazioni della Trierweiler, ex compagna del Capo dello Stato francese, sono letture per «piccoli grandi fratelli»

Se Alain Finkielkraut fosse il presidente francese Francois Hollande, farebbe un discorso alla nazione e si dimetterebbe. In un articolo apparso ieri sul quotidiano francese Libération e tradotto oggi da Repubblica, il filosofo francese veste i panni di Hollande e lo difende dal pettegolezzo scatenato da Merci pour ce moment, libro scritto dall’ex amante, Valérie Trierweiler, nella quale “svela” la vita privata del Capo dello Stato francese. Da notare che, sulla vicenda – che per certi versi richiama quelle passate di Silvio Berlusconi – Repubblica, pubblicando l’articolo di Finkielkraut, prende le difese di Hollande, come non aveva certamente fatto con l’ex presidente del Consiglio italiano.

LIBRO CRIMINALE. Finkielkraut non difende Hollande dalla sua politica, farcita di esitazioni e «annunci prematuri e contraddittori», ma dalle accuse della Trierweiler e dai compatrioti “guardoni”. «Queste indiscrezioni e queste probabili calunnie sembra che accelerino la marcia verso l’uguaglianza tra uomini e donne», ma è falso. Sbandierando a tutti la vita privata di un Capo dello Stato, «la mia ex-compagna – scrive Finkielkraut nelle vesti di Hollande – non ha compiuto un gesto rivoluzionario». Non ha difeso «la causa delle donne offese, umiliate, martoriate». «Si è vendicata di me come ha voluto vendicarsi della madre dei miei figli (Segolene Royal, ndr)».
«Si sta guardando la realtà umana con i pregiudizi dell’ideologia e le si sta conferendo il monopolio della malvagità», prosegue Finkielkraut. Merci pour ce moment, secondo il filosofo, «è un crimine contro l’individuo», contro Hollande e contro la Repubblica che rappresenta. «Temo che possa assestare il colpo di grazia a ciò che restava dei Tempi moderni nella nostra trionfante post-modernità che, come annunciava Péguy, “non si chiede ancora con ansia se è grave, ma, preoccupata, vuota, si chiede già se per caso è divertente”».

PICCOLI GRANDI FRATELLI E SORELLE. «Il contributo maggiore dei Tempi moderni alla civiltà odierna  – spiega il filosofo -, è racchiuso in una sola parola: separazione. Separazione tra Stato e Chiesa, ma separazione anche tra la vita pubblica e la vita privata». «Ebbene, questo muro protettore per l’uno come per l’altra non è lo Stato a demolirlo. E non è nemmeno, malgrado ciò che raccontano le breaking news, il Grande Fratello. No, – osserva Finkielkraut – siete voi, piccoli grandi fratelli e piccole grandi sorelle, a soccombere al fascino del voyerismo con ancor meno reticenza di quella che esibite in Rete. “Per vivere felici, viviamo nascosti” diceva un adagio. “Per vivere felici, spogliamoci davanti a tutti” dice la società dei reality e di Facebook».
Hollande nell’immaginario discorso di Finkielkraut, ricorda Chesterton: «Il mondo è pieno di idee cristiane diventate folli, e questa follia sta per uccidere la politica». Si dà più credito all’immagine dell’amore (nei confronti dei poveri – chiamati “gli sdentati” da Hollande, secondo la Trierweiler) che all’azione politica. Così, da destra a sinistra, si è assistito a politici che hanno usato il libro di Valérie Trierweiler «per imbastire un processo contro di me», afferma Finkielkraut-Hollande. «Quegli incoscienti non sanno che noi tutti siamo su una stessa barca che affonda». Il filosofo, conclude così il discorso immaginario di Hollande: «Io sono un essere umano: ma per la vostra passione del gossip e la voluttà del sarcasmo, sembra proprio che voi non ve ne rendiate conto. Ho dunque deciso di andarmene con un inchino. Vi lascio, cari piccoli grandi fratelli e care piccole grandi sorelle. Divertitevi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. beppe scrive:

    repubblica può fare quel che vuole. l’altro giorno michele serra ha trattato lo stesso argomento dimenticando come il suo giornale ha trattato le vicende di berlusconi e come ha usato veronica lario. mi fa schifo. ma repubblica può.

  2. lucillo scrive:

    L’unica similitudine fra Hollande e Berlusconi è la dignità di Veronica Lario e di Segolene Royal.
    Per il resto non mi sembra che Trierweiler facesse la prostituta, e per quanto giovane e piacente nessuno ha mai tentato di farla passare per la nipote di Mubarak.

    • giovanna scrive:

      Bravo, Lucillo, hai capito tutto, bravo.

      • lucillo scrive:

        Il fatto che non commento tutto non significa che ho mal commentato la parte… che forse è il vero messaggio dell’articolo.
        Ma non voglio fare il reticente: sono totalmente d’accordo con finkielkraut.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana