Google+

«Respingiamo» la nuova coalizione che rappresenta il popolo siriano: «Noi vogliamo uno Stato islamico»

novembre 20, 2012 Leone Grotti

In un video diffuso su internet, 13 gruppi di ribelli islamisti di Aleppo misconoscono i rappresentanti del popolo siriano riconosciuti dalla comunità internazionale: «Noi siamo d’accordo all’unanimità per instaurare uno Stato islamico».

Ma quali legittimi rappresentanti del popolo siriano, la “Coalizione dell’opposizione e dei rivoluzionari siriani” non è il «solo rappresentante». A scagliarsi contro l’organo politico riconosciuto l’11 novembre scorso a Doha dalla comunità internazionale sono 13 gruppi rivoluzionari che combattono contro le truppe di Assad nella città di Aleppo. In un video diffuso su internet, i rivoluzionari si definiscono «rappresentanti delle formazioni che combattono ad Aleppo e respingiamo il progetto cospiratorio, la cosiddetta “coalizione”. Noi siamo d’accordo all’unanimità per instaurare uno Stato islamico».

LA COALIZIONE MINIMIZZA. Il gruppo di armate islamiste non accetta la decisione della comunità internazionale ma la Coalizione guidata dallo sceicco Ahmad Moaz al-Khatib non sembra preoccupata dalle loro dichiarazioni: «Ci terremo in contatto anche con loro per cooperare nell’interesse del popolo siriano». Diversa la reazione di molti paesi occidentali, che temono una deriva islamista della guerra civile siriana.

RIBELLI E JIHADISTI. Al contrario dell’appoggio incondizionato alla nuova “Coalizione” espresso da Inghilterra e Francia, Barack Obama ha invece affermato settimana scorsa che «i nuovi interlocutori saranno soggetti alla creazione di una Siria democratica, inclusiva e moderata», altrimenti non verranno riconosciuti come legittimi rappresentanti della Siria. La composizione dei gruppi di ribelli siriani, infatti, non è così omogenea e accanto a gruppi di civili che hanno imbracciato le armi ci sono squadre estremiste e jihadiste che combattono tanto il regime di Assad quanto, ad esempio, la comunità cristiana.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.