Google+

«Respingiamo» la nuova coalizione che rappresenta il popolo siriano: «Noi vogliamo uno Stato islamico»

novembre 20, 2012 Leone Grotti

In un video diffuso su internet, 13 gruppi di ribelli islamisti di Aleppo misconoscono i rappresentanti del popolo siriano riconosciuti dalla comunità internazionale: «Noi siamo d’accordo all’unanimità per instaurare uno Stato islamico».

Ma quali legittimi rappresentanti del popolo siriano, la “Coalizione dell’opposizione e dei rivoluzionari siriani” non è il «solo rappresentante». A scagliarsi contro l’organo politico riconosciuto l’11 novembre scorso a Doha dalla comunità internazionale sono 13 gruppi rivoluzionari che combattono contro le truppe di Assad nella città di Aleppo. In un video diffuso su internet, i rivoluzionari si definiscono «rappresentanti delle formazioni che combattono ad Aleppo e respingiamo il progetto cospiratorio, la cosiddetta “coalizione”. Noi siamo d’accordo all’unanimità per instaurare uno Stato islamico».

LA COALIZIONE MINIMIZZA. Il gruppo di armate islamiste non accetta la decisione della comunità internazionale ma la Coalizione guidata dallo sceicco Ahmad Moaz al-Khatib non sembra preoccupata dalle loro dichiarazioni: «Ci terremo in contatto anche con loro per cooperare nell’interesse del popolo siriano». Diversa la reazione di molti paesi occidentali, che temono una deriva islamista della guerra civile siriana.

RIBELLI E JIHADISTI. Al contrario dell’appoggio incondizionato alla nuova “Coalizione” espresso da Inghilterra e Francia, Barack Obama ha invece affermato settimana scorsa che «i nuovi interlocutori saranno soggetti alla creazione di una Siria democratica, inclusiva e moderata», altrimenti non verranno riconosciuti come legittimi rappresentanti della Siria. La composizione dei gruppi di ribelli siriani, infatti, non è così omogenea e accanto a gruppi di civili che hanno imbracciato le armi ci sono squadre estremiste e jihadiste che combattono tanto il regime di Assad quanto, ad esempio, la comunità cristiana.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Neve, ghiaccio, temperature polari e 26 passi alpini. La terza edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, organizzata da Audi, ha incontrato le condizioni giuste per mettere alla prova 5 equipaggi che si sono sfidati a suon di km percorsi e prove speciali ghiacciate sulle nuove RS4. C’eravamo anche noi

L'articolo 20Quattro Ore delle Alpi Audi. C’ero anch’io proviene da RED Live.

Presentata per la prima volta nel 2007, la Peugeot 308 ha subito un restyling nel giugno 2017. Dal punto di vista meccanico la novità preponderante era stata la sostituzione del cambio automatico a 6 rapporti in favore di un nuovo 8 rapporti. Un cambio più evoluto sviluppato dalla giapponese Aisin capace di rubare sulla bilancia […]

L'articolo Peugeot 308: aggiornamenti a 8 rapporti proviene da RED Live.

Più dinamica - non solo nel look - e tecnologica. Per sfidare a testa alta le rivali più pericolose del segmento. La nuova Kia Ceed è pronta per sfilare sulla passerella del Salone di Ginevra 2018

L'articolo Nuova Kia Ceed, senza apostrofo ma con più stile proviene da RED Live.

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Marchio di fabbrica tanto quanto l’acciaio e i baffi di Tom, la grafica con i tre colori sfumati della bandiera americana ha segnato un’epoca, soprattutto nel mondo delle ruote grasse.  Era da tempo che i fan di Ritchey chiedevano di metterla di nuovo a catalogo e alla fine hanno raggiunto lo scopo, anche se in realtà […]

L'articolo Ritchey Road Logic Heritage, acciaio per pochi proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi