Google+

No-ogm vandalizzano un campo di mais e si filmano. «La proprietà ostacola la sovranità alimentare»

settembre 3, 2013 Redazione

Sono entrati nel campo di pannocchie biotech dell’agricoltore friulano Giorgio Fidenato e le hanno distrutte. Rivendicando le loro gesta davanti alla polizia

«Voglio vedere qual è lo sbirro che viene a dirmi che ho passato il recinto». In questo modo si è rivolto uno degli attivisti no-ogm alla polizia che sorvegliava la manifestazione di domenica 1 settembre contro l’agricoltore friulano Giorgio Fidenato, reo di aver coltivato pannocchie biotech. Dopo aver inveito contro la proprietà privata perché mette in discussione «la sovranità alimentare», alcuni attivisti hanno invaso il campo di mais di Fidenato a Vivaro, in Friuli Venezia Giulia, distruggendo, volontariamente, alcune piante.

LA MANIFESTAZIONE. La protesta, sfociata in azioni vandaliche, è stata fomentata dalla semina di mais geneticamente modificato dello scorso giugno da parte di Fidenato. Non è la prima volta che un campo dell’agricoltore friulano viene distrutto. Già nel 2010 attivisti anti-ogm distrussero piante di mais nella proprietà di Fidenato. Domenica scorsa gli attivisti sono arrivati da tutto il Nord Est, dalle associazioni ambientaliste e anche dai partiti, tra cui Rifondazione Comunista e il Movimento 5 Stelle.

IL CASO FIDENATO. Fidenato è stato recentemente assolto dal tribunale di Pordenone per la semina di mais geneticamente modificato del 2010, fatta senza preventiva autorizzazione. Su indicazione della Corte di Giustizia europea, i magistrati italiani hanno dovuto lasciar cadere le accuse. Infatti le leggi italiane che impediscono la semina di mais biotech vanno contro le normative europee, avevano stabilito i giudici europei, non ravvisando nella semina di Fidenato un pericolo per la biodiversità. La sentenza europea ha inoltre invitato gli Stati a dotarsi di leggi in materia di coesistenza fra agricoltura no-ogm e biotech. Non è infatti stato dimostrato, ricorda la sentenza, che gli ogm siano un pericolo e un danno per la salute umana e per l’ambiente.

Ecco il video della manifestazione contro Fidenato pubblicato dagli attivisti anti-ogm su YouTube:

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Il Filarete says:

    Hitler ha vinto. Questo è il resto della Wehrmacht. Consentite a Fidenato di difendersi con le armi.

  2. angelo says:

    Ecologisti, animalisti, notav, centri sociali… questa la vera MAFIA d’ Italia.
    Ma i PM se ne strafregano.

  3. clemente says:

    Chissà percè questi ce l’ hanno tanto contro gli OG. L’ unica cosa sul pianeta che che non ha mai fatto male a nessuno.
    Poi, la storia della “sovranità” violata, è una vera scemenza.
    Allora perchè non se la prendono con i processori Intel, da cui tutti noi dobbiamo dipendere per la nostra informatica? Potrebbero ritornare alla macchine da scrivere, oppure ad “inchiostro e calamaio”, così salvaguardiamo la nostra sovranità.
    Sempre che i pennini vengano prodotti in Italia. Anzi, meglio, autoprodotti da ogni scribacchino.

    Questi ecologisti di m… sono solo dei DITTATORI. Il fatto che uno coltivi OGM, non impedisce a nessun altro di coltivare no-ogm. Eppure loro vogliono vietarlo. Perchè?
    La spiegazione è una sola: perchè odiano la libertà e vogliono renderci schiavi.

    Un’ altra considerazione. Fino a poco tempo fa ci spaccavano i maroni con la storia che la religione Cattolica era oppressiva, impositiva ed oscurantista…. Che stronzate!
    Adesso vediamo chi sono i veri oppressori oscurantisti. Adesso vediamo qual’ è la vera inquisizione.
    E ricordatevi anche della storia delle sperimentazioni animali che vogliono vietare (anzi hanno di fatto già vietato), impedendo di curare malattie e di salvare gente dai tumori e da altre cose (per le quali cose gli esperimenti sugli animali SONO ESSENZIALI).
    Sono puri NAZISTI, che si spacciano per “difensori del pianeta”.
    Sono difensori del pianeta come uno tzunami o un terremoto….
    Mandateli in galera!

  4. Cris says:

    Nessuno li costringe a comprare quelle pannocchie, che si comprino le cose bio e lascino agli altri la scelta (che tra l’altro gli OGM non è provato che facciano male, ma in alcune zone del mondo potrebbero invece fare un gran bene!)…oltretutto con la gente che non ha da mangiare, andare a rovinare un campo di pannocchie è proprio uno sfregio alla società!
    Il tabacco fa male alla salute, è comprovato, ma non ho mai sentito di qualcuno che abbia fatto manifestazioni contro le multinazionali della sigaretta…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.