Google+

Il provvedimento sulle banche popolari fa male all’economia locale. Abbiamo il tempo per correggerlo

gennaio 31, 2015 Maurizio Lupi

Nel 2014 hanno erogato alle pmi impieghi per oltre 148 miliardi di euro, con 30 miliardi di nuovi finanziamenti come negli anni prima della crisi.

Ho contestato in Consiglio dei ministri il provvedimento sulle banche popolari sia nel metodo sia nel merito. L’ho fatto proprio in nome della lealtà con la quale partecipo a questo governo di cui resto convinto sostenitore. Nel metodo perché non vedo la necessità di usare lo strumento del decreto, un disegno di legge avrebbe permesso di aprire un confronto più sereno e costruttivo con il mondo delle Banche popolari e del credito cooperativo. Nel merito perché, mentre sono d’accordo che il nostro sistema bancario necessiti di riforme per accettare le sfide dell’oggi, non capisco perché si debba sempre buttare via il bambino con l’acqua sporca. C’è una peculiarità della presenza cooperativa anche nel settore bancario che va salvaguardata, perché ha fatto e continua a fare tanto per l’economia locale, per le piccole e medie imprese e per le famiglie. La contendibilità non è l’unico criterio di efficienza di una banca, tranne che ci si dimentichi della sua funzione di sostegno all’economia attraverso il credito e la si consideri un’entità finanziaria autoreferenziale con il solo scopo di remunerare gli azionisti.

La nostra Costituzione, agli articoli 45 e 47, non la pensa così. La vicinanza di questi istituti alle piccole e medie imprese, la vera forza della nostra economia, è documentata dai numeri: nel 2014 hanno erogato alle pmi impieghi per oltre 148 miliardi di euro, con 30 miliardi di nuovi finanziamenti come negli anni prima della crisi. Vuol dire il 66 per cento di finanziamenti alle piccole e medie imprese contro una media nazionale del 33 per cento. Tutto roseo allora? Non dico questo, e le stesse Banche popolari lo sanno e hanno infatti avviato un processo di autoriforma affidandosi a tre esperti – Alberto Quadrio Curzio, Angelo Tantazzi e Piergaetano Marchetti – sulla preparazione e l’indipendenza dei quali non penso si possano avere dubbi. Adesso abbiamo sessanta giorni per correggere gli aspetti unilaterali del decreto. Lavoreremo per questo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. recarlos79 scrive:

    le banche “del territorio” servono ai partiti per i loro feudi. gli investimenti stranieri (i soli possibili in italia) passano anche da questo. e nel resto d’europa i correntisti sono trattati un po’ meglio che da noi.

  2. ftax scrive:

    Caro Pier Luigi, se tu ci risparmiassi i tuoi inutili quanto pervicaci interventi (che infatti non legge nessuno)
    sarebbe ancora meglio.

  3. Riccardo scrive:

    E per quanto riguarda il rinnovo delle concessioni autostradali ai vecchi concessionari, senza il coinvolgimento di nuovi concorrenti, il Ministro delle Infrastrutture Lupi, cosa risponde?

    Grazie

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana