Google+

Iraq. La bambina rapita e i sordomuti cristiani lasciati morire di fame. Sako: «Jihadisti vanno avanti. Chi sarà il prossimo?»

agosto 25, 2014 Redazione

Proseguono le violenze. Il patriarca caldeo punta l’indice contro Usa, Europa e musulmani inerti e silenti: «Il mondo non ha ancora compreso la gravità della situazione»

Iraq. A Baghdida una bambina di tre anni, Khader Ebada, è stata «letteralmente strappata dalle braccia della famiglia» cristiana. A Bashiqa sono stati ritrovati due cadaveri di uomini cristiani «morti di fame e malnutrizione all’interno della propria abitazione. Si tratta di Georgis David e di suo figlio Saad e, secondo testimonianze locali, si tratterebbe di due persone sordomute che non hanno voluto abbandonare la cittadina da tre settimane nelle mani dei jihadisiti». Sono le ultimi, terribili, notizie che arrivano dall’Iraq, riportate da Asianews.

ANCORA SOLI E ARMI AGLI JIHADISTI. La stessa agenzia ha raccolto anche il nuovo appello del patriarca caldeo Louis Raphael I Sako (nella foto sotto), che dice di aver visitato «i campi profughi nelle province di Erbil e Dohok e quello che è visto e quanto ho sentito vanno al di là di ogni più fervida immaginazione!». I cristiani e altre minoranze, ha raccontato, sono allo stremo, colpiti al «cuore stesso della loro vita».
Finora ben poco è stato fatto per loro e continua «il flusso di denaro, armi e combattenti» a favore dello Stato islamico. «È iniziata la seconda fase della calamità», dice il patriarca, e prosegue la campagna per l’eliminazione dei «cristiani e minoranze dall’Iraq, il mondo non ha ancora compreso la gravità della situazione». «La migrazione di queste famiglie» è «il dissolvimento della storia, del patrimonio e dell’identità di questo popolo».

USA, UE E MUSULMANI INERTI. Sako è molto esplicito anche nel condannare l’inerzia di Stati Uniti e Unione Europea i quali, pur ammettendo la necessità di una soluzione rapida, non hanno preso provvedimenti concreti «per alleviare la sorte» degli iracheni. In egual misura, anche la comunità musulmana ha fatto poco o nulla, rifiutandosi di condannare gli atti terroristici dei jihadisti. «Il fondamentalismo religioso continua a crescere in forza e potenza, dando luogo a tragedie, mentre noi [cristiani] ci chiediamo sorpresi se i leader islamici e gli intellettuali musulmani hanno colto la gravità del problema». Il silenzio e la passività «incoraggeranno i fondamentalisti dell’Is a commettere altre tragedie», avverte il Patriarca caldeo, e la domanda è «chi sarà il prossimo».
Sako, infine, si rivolge ai cristiani che invita a non limitarsi a «dichiarazioni continue», ma a esprimere «una vera comunione» coi cristiani perseguitati, così come fatto dal delegato papale Fernando Filoni nel suo recente viaggio in Iraq.

CHI VENDE ARMI? Alla Radio Vaticana il vescovo caldeo di Aleppo e presidente di Caritas Siria, Antoine  Audo, ha raccontato che «in città, dove vivono la maggioranza dei cristiani e ci sono anche altri, non c’è una presenza diretta violenta. Siamo sotto la protezione del governo. Intorno alla città ci sono tanti gruppi che attaccano e lanciano bombe. La situazione ad Aleppo è piuttosto difficile con problemi di elettricità, di acqua; non c’è sicurezza: non si sa quando arrivano le bombe. E, malgrado tutto, come cristiani, cerchiamo di essere vivaci, presenti, di fare attività. La domanda è: “Chi sostiene questi gruppi?”. Questa è la domanda che rivolgiamo alla coscienza internazionale. Chi vende armi? Chi raccoglie interessi da queste violenze?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.