Google+

Iraq. L’Isil saccheggia la sede dell’Arcidiocesi caldea di Mosul. «Non ci possono essere chiese nello stato islamico»

luglio 2, 2014 Redazione

Lo hanno detto gli jihadisti dopo aver distrutto tutti i simboli cristiani nell’edificio. L’imam di una vicina moschea aveva tentato di dissuaderli

mosul-isil-iraq-madonna-jihad-cristianiI militanti jihadisti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante ieri avrebbero saccheggiato la sede dell’Arcidiocesi caldea di Mosul, in Iraq. A riferirlo è il sito Ankawa.com. I combattenti dell’Isil avrebbero distrutto tutti i simboli cristiani conservati.

IMAM HA CERCATO DI DISSUADERLI. Dopo aver distrutto la statua della madonna della chiesa dell’Immacolata e aver occupato la chiesa di Sant’Efrem e le Arcidiocesi caldea e siro-ortodossa, i militanti islamisti – che da più di tre settimane controllano la città del nord Mosul – avrebbero preso di mira le icone e le statue della sede dell’Arcidiocesi caldea. Mentre gettavano in strada i pezzi, un imam della vicina moschea di Ahamn Isma’il, riferisce Ankawa.com, avrebbe tentato di convincere i militanti a rispettare il sito per il suo valore religioso. Un appello a cui i combattenti avrebbero però risposto con la frase: «Non c’è vescovado o chiesa nello stato islamico».

IL CALIFFATO ISLAMICO. La maggior parte dei cristiani è già fuggita da Mosul, la notte in cui l’esercito iracheno ha lasciato il campo ai terroristi islamici. Chi è rimasto in città e nel territorio conquistato dall’Isil è in pericolo e potrebbe subire la stessa sorte dei cristiani di Raqqa: l’impossibilità di portare addosso crocifissi, pregare in pubblico e l’obbligo di pagare il tributo umiliante agli jihadisti per mantenere la loro fede (circa 250 dollari).
La situazione non sembra migliorare per i cristiani. Lunedì, Abu Bakr Al Baghdadi, leader dell’Isil, si è proclamato “Califfo Ibrahim”. Come annunciato in un messaggio audio dal gruppo terroristico, lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante ha ufficialmente creato un califfato che si estende dalla provincia di Aleppo, nel nord della Siria, alla provincia di Diyala nell’Iraq orientale. Su tutto il territorio controllato dagli islamisti è vige la sharia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. augusto says:

    E’ invece “obbligatorio” costruire molte grandi moschee in Europa ( spesso con fondi pubblici, vedi la moschea di Atene di arrivo, vista anche la florida situazione in quella Nazione attualmente….)In caso contrario si è razzisti, xenofobi e tutti gli altri slogans pappagalleschi che vanno di moda .Tra l’altro le moschee spesso non sono solo luoghi di culto, ma luoghi di indottrinamento politico.Ma questa è un’amara e scomoda verità per molti….

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi