Google+

Iran, storico terzo grado del Parlamento ad Ahmadinejad. La replica: «Codardi e ingiusti»

marzo 14, 2012 Leone Grotti

Mahmoud Ahmadinejad è stato strigliato per la prima volta dal Parlamento per la disastrosa situazione economica del paese. Il presidente è ormai in rotta con la Guida suprema Khamenei, ma risponde: «Codardo e ingiusto chi mi dà un voto inferiore al cento».

Non era mai successo nella storia della Repubblica islamica. Ieri i giornali iraniani hanno riportato che il presidente Mahmoud Ahmadinejad si è dovuto presentare in Parlamento con alcuni dei suoi più importanti ministri per rispondere alle domande dei parlamentari insoddisfatti dal suo operato. Un vero e proprio terzo grado. È la prima volta nella storia del paese che un presidente viene convocato dal Parlamento.

Le accuse, riportate dall’agenzia di stampa Irna, sono le seguenti: sperpero di denaro pubblico, aumento dell’inflazione dovuta ai tagli dei sussidi per cibo e benzina, stato disastroso dell’economia e volontaria manomissione dei numeri che dicono che tra il 2009 e il 2010 il governo avrebbe creato quasi due milioni di posti di lavoro. Ahmadinejad ha minimizzato, rispondendo: «Nessuna violazione può essere imputata al mio governo. Chiunque ci dia un voto inferiore al cento è un codardo, oltre che ingiusto». Niente di grave, dunque.

In realtà, la poltrona di Ahmadinejad si fa sempre più rovente. Gli attriti tra il leader politico del paese e la guida religiosa, la Guida suprema Ayatollah  Ali Khamenei, si fanno ogni giorno più marcati e non lasciano presagire niente di buono per il presidente. Gli attacchi sono diventati pubblici l’anno scorso, quando Ahmadinejad ha licenziato il ministro dell’intelligence e Khamenei ha annullato la sua decisione richiamandolo al governo. Il presidente è stato quindi accusato di sfidare Khamenei e di volere minare le fondamenta della Repubblica islamica. In più, le recenti elezioni hanno visto la schiacciante vittoria dei politici appoggiati dal leader religioso, rispetto a quelli sponsorizzati da Ahmadinejad, così che il presidente si ritrova in un Parlamento nettamente dominato da deputati ostili.

Il cerchio, dunque, sembra stringersi e anche se l’anno prossimo Ahmadinejad terminerà il suo mandato, potrebbe succedere qualcosa prima. Come nel 1981, quando il primo presidente della teocrazia iraniana, Abolhassan Banisadr, è stato accusato formalmente di minare le fondamenta religiose del paese e costretto a fuggire.
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana