Google+

In Iraq e Siria lo Stato islamico trasforma i bambini in soldati e si finanzia vendendo il petrolio rubato a prezzi stracciati

luglio 23, 2014 Redazione

Dopo i cristiani, i terroristi islamici cercano di cacciare da Mosul anche i curdi. E ora perfino gli alleati sunniti nostalgici di Saddam criticano le violenze del califfato

I terroristi dello Stato islamico stanno consolidando il controllo del territorio in Iraq e in Siria. Lo fanno attraverso il reclutamento di nuove leve, fra cui bambini, e finanziandosi con la vendita di petrolio siriano. I terroristi oltre a perseguitare le minoranze religiose hanno iniziato anche in Iraq (come già avviene in Siria) a eliminare gli alleati.

TERRORISTI VENDONO PETROLIO. A rivelare che lo Stato Islamico proclamato dal califfo Ibrahim abbia iniziato a vendere il petrolio degli stabilimenti siriani nell’est del paese è l’Osservatorio siriano per i diritti umani: «Negli ultimi giorni camion con targhe irachene hanno attraversato la frontiera fra Siria e Iraq per prendere petrolio dai pozzi della provincia di Deir al Zor e trasportarlo nell’Iraq occidentale».
Per l’organizzazione, «questi camion appartengono a imprenditori iracheni che vanno in Siria per comprare petrolio dei pozzi sotto il controllo dell’Isil». Come dichiarato all’agenzia France Press, si tratta di «un numero considerevole di camion» e «ogni barile di petrolio viene venduto agli imprenditori iracheni per 20, 40 dollari», mentre ai locali viene venduto fra i 12 e i 18 dollari. Il petrolio dei terroristi risulta molto conveniente, visto che sul mercato globale il prezzo supera i 100 dollari.

isis-bambini-soldatoBAMBINI SOLDATO. Nella piana di Ninive, in Iraq, i terroristi islamici intanto stanno reclutando giovani e persino bambini, come si vede dalle foto pubblicate in questi giorni dai “media” jihadisti della provincia irachena e riprese da ishartv.com.
Le immagini sono state scattate in strada o in ambienti chiusi e ritraggono fra le nuove reclute dell’Isil giovani adolescenti e bambini, spesso armati, mentre prendono parte alle parate dei terroristi.  Dopo la conquista di Mosul e Tikrit, i terroristi hanno iniziato a reclutare anche le donne che, integralmente coperte dal niqab, gestiscono i controlli ai checkpoint nei territori conquistati in Iraq e amministrati insieme ad altre brigate sunnite, fra le quali spiccano quelle baathiste di Naqshbandi Men Army, l’armata dei Mujahideen, Ansar al-Sunna, le brigate rivoluzionarie di Al-Eshreen e Ansar al-Islam.

isis-bambiniCACCIATI I CURDI.  «Oggi, alcuni uomini armati dell’Isil hanno rapito cittadini turkmeni sciiti nel quartiere di Shuhadaa a Mosul. Il loro destino è ancora sconosciuto», afferma un funzionario del Partito Democratico del Kurdistan, Saeed Mamouzine, rivelando che i cristiani non sono l’unica minoranza perseguitata dagli islamisti. Secondo il sito di informazione curdo ekurd.net, i jihadisti hanno preso di mira anche turkmeni e curdi, “invitati” come i cristiani a lasciare la città se non vogliono essere uccisi. «Cento famiglie curde – ha dichiarato Mamouzine – sono state minacciate di morte qualora non lasciassero le loro case e la città. Anche se non è stata data loro una scadenza, è probabile che lascino Mosul presto».

EX DI SADDAM PROTESTANO. Persino l’organizzazione militare che riunisce i fedeli superstiti di Saddam Hussein, la Naqshbandi Men Army, ha condannato le violenze dello Stato islamico sulle minoranze religiose a Mosul. In una dichiarazione rilasciata ieri, riportata da shaafaq.com, l’organizzazione Naqshbandi ha condannato le violenze, affermando che il proprio esercito «si oppone a ogni tipo di spostamento forzato della popolazione, allo svuotamento dell’Iraq e dei suoi componenti, e rifiuta ogni cambiamento dei confini dell’Iraq e della demografia regionale». Inoltre, hanno aggiunto i baathisti, «il nostro esercito crede nei diritti di cittadinanza, nella convivenza pacifica di tutti gli iracheni di diverse credenze, nazionalità, regioni e senza discriminazioni».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il 24 e il 25 marzo, se siete in zona capitale, non prendete impegni: ci sono gli Honda Days 2018 all’autodromo di Vallelunga. Si possono provare auto, moto e non solo…

L'articolo Honda Days 2018: 24 e 25 marzo, tutti a Vallelunga proviene da RED Live.

Neve, ghiaccio, temperature polari e 26 passi alpini. La terza edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, organizzata da Audi, ha incontrato le condizioni giuste per mettere alla prova 5 equipaggi che si sono sfidati a suon di km percorsi e prove speciali ghiacciate sulle nuove RS4. C’eravamo anche noi

L'articolo 20Quattro Ore delle Alpi Audi. C’ero anch’io proviene da RED Live.

Presentata per la prima volta nel 2007, la Peugeot 308 ha subito un restyling nel giugno 2017. Dal punto di vista meccanico la novità preponderante era stata la sostituzione del cambio automatico a 6 rapporti in favore di un nuovo 8 rapporti. Un cambio più evoluto sviluppato dalla giapponese Aisin capace di rubare sulla bilancia […]

L'articolo Peugeot 308: aggiornamenti a 8 rapporti proviene da RED Live.

Più dinamica - non solo nel look - e tecnologica. Per sfidare a testa alta le rivali più pericolose del segmento. La nuova Kia Ceed è pronta per sfilare sulla passerella del Salone di Ginevra 2018

L'articolo Nuova Kia Ceed, senza apostrofo ma con più stile proviene da RED Live.

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi