Google+

Imprenditori e investitori in rete per uscire dalla crisi. Così le Pmi italiane tornano ad assumere. Anche i giovani

aprile 21, 2014 Matteo Rigamonti

Se il mercato domestico è fermo, le imprese devono provare a crescere altrove. La proposta di Carlo Bassi e BackToWork24 per aiutarle è metterle in contatto con chi dispone delle competenze e i capitali che servono a farlo

Una società per mettere in contatto le imprese con i manager e gli investitori. Da due anni, Carlo Bassi, l’imprenditore che ha rilanciato la moto Borile e gli yachts Sciallino, si è impegnato in questa avventura, partendo dapprima in totale autonomia e ricevendo in un secondo momento l’appoggio del Gruppo 24 Ore, di cui oggi BACKtoWORK24, la sua piattaforma, fa parte. La modalità individuata da Bassi è quella di raccogliere ogni potenziale candidatura (azienda, imprenditore, manager o investitore), facendo compilare ai diretti interessati una scheda di presentazione delle proprie attività e richieste, per poi preparare gli appuntamenti.
In caso di buon esito e conclusione dell’accordo, BACKtoWORK24 si aggiudica una commissione pari al 5 per cento dell’importo investito. Nel giro di due anni sono stati raccolti i nominativi di duemila manager e investitori (di cui 250 privati) e di 1600 aziende e imprenditori. Quaranta le operazioni concluse per un totale di 8 milioni di euro investiti, per una media di ogni singolo investimento pari circa a 200 mila euro. Entro la fine dell’anno, Bassi ha in programma di portare a termine altre 60 operazioni, offrendo ad ogni imprenditore la possibilità di avere circa cinque o sei incontri al mese con investitori e manager interessati.

MEGLIO DI UNA START UP. «Certamente le cose sono cambiate in positivo da quando abbiamo il logo del Sole 24 Ore alle spalle», spiega Bassi a tempi.it. «Prima ci consideravano quasi degli extraterrestri, ma dopo due anni si è iniziato a capire che il metodo che abbiamo individuato per uscire dalla crisi porta frutto e sempre più imprenditori ci chiedono di poter entrare in contatto con la nostra realtà». L’obiettivo, prosegue Bassi, «è quello aiutare le nostre imprese a uscire dall’autoreferenzialità, perché, se è vero che oggi il mercato domestico e quello europeo sono fermi, è indispensabile espandersi su quello globale per chi vuole crescere e sopravvivere». Soltanto che i 3 milioni e 700 mila imprenditori italiani (tante sono le Pmi con meno di dieci dipendenti) non sempre dispongono delle risorse e competenze necessarie per farlo. Da qui l’idea di portare capitali e manager in azienda per provare a far fare loro un salto altrimenti impossibile.

PROSPETTIVE PER GIOVANI. «Le imprese che si rivolgono a noi – continua Bassi – sono in maggioranza manifatturiere e fanno tutte parte di quel 95 per cento di Pmi che hanno meno di dieci dipendenti e ancora offrono un posto all’80 per cento dei lavoratori italiani. Noi crediamo, infatti, che sia molto meglio portare nuove competenze e professionalità all’interno di strutture già rodate piuttosto che avviarne sempre di nuove. Secondo noi è preferibile che un giovane, piuttosto che far partire una nuova start up, si inserisca in un’azienda già solida, dove può apprendere competenze, che altrimenti dovrebbe inventarsi da sé, e fare affidamento su adeguate disponibilità finanziarie, che da solo difficilmente potrebbe ottenere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. mike scrive:

    in base a quanto detto, diciamo non troppo, pare una buona idea. solo che se funziona non so se la lasceranno continuare i signori dell’economia internazionale.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana