Google+

Grecia. Statistico condannato per non aver dichiarato il falso sul deficit di bilancio

agosto 4, 2017 Rodolfo Casadei

Il caso kafkiano di Andreas Georgiou, presidente di Elstat dall’agosto 2010 all’agosto 2015, accusato di avere gonfiato il dato relativo al deficit del bilancio greco del 2009

crisi-grecia-ansa

Dopo sei anni di inchieste e processi una corte ha finalmente condannato a due anni di reclusione con la condizionale l’ex presidente di Elstat, l’Autorità statistica greca responsabile fra le altre cose delle statistiche sui deficit di bilancio del paese. Un lettore distratto tirerebbe subito la conclusione che almeno uno dei responsabili della falsificazione dei dati macroeconomici della Grecia, che è stata una concausa della crisi del debito greco, è stato infine punito. Errore: Andreas Georgiou, presidente di Elstat dall’agosto 2010 all’agosto 2015, non è un complice della manipolazione dei dati che contribuì alla crisi finanziaria che rese necessario il primo salvataggio della Grecia nel maggio 2010. Al contrario, Georgiou è l’economista a cui fu affidata l’agenzia ufficiale statistica dopo che il primo ministro dell’epoca Andreas Papandreou aveva rivelato pubblicamente che per anni le autorità greche avevano presentato all’Unione Europea bilanci falsi (con l’aiuto di Goldman Sachs, si seppe poi) per fare sì che la Grecia fosse ammessa nell’euro.

Già vice capo di divisione del Dipartimento statistiche del Fondo monetario internazionale (Fmi) e docente di economia all’università del Michigan, Georgiou prese molto sul serio il compito affidatogli, e permise all’Elstat di riacquistare credibilità agli occhi di Eurostat, l’ente statistico dell’Unione Europea (Ue). Male però gliene è incolto in patria: a partire dal 2011 gli strali della giustizia ellenica hanno preso a trafiggerlo con accuse di avere lui falsificato, stavolta per eccesso, i dati macroeconomici negativi della Grecia, e di altre presunte scorrettezze penalmente rilevanti.

Finora l’ex presidente di Elstat ha dovuto affrontare sei verdetti a porte chiuse della Corte di Cassazione e quattro processi pubblici per difendersi dall’imputazione di avere gonfiato il dato relativo al deficit del bilancio greco del 2009. A questa si sono aggiunte le accuse secondo cui avrebbe danneggiato gli interessi del paese, violato procedure interne, diffamato colleghi di lavoro di Elstat e continuato a lavorare per il Fondo monetario internazionale anche dopo essere stato nominato all’agenzia statistica greca. Tutto è cominciato nel 2011 quando un giovane procuratore specializzato in casi finanziari ha aperto un’inchiesta per appurare se Georgiou aveva agito contro gli interessi della Grecia. I successivi procedimenti sono nati da querele sporte contro di lui da due membri del consiglio di amministrazione di Elsat licenziati e da un impiegato anziano dello stesso ente.

Per sei anni la giustizia greca e Georgiou hanno giocato al gatto col topo, col secondo che veniva assolto in primo grado o in Appello o in Corte di Cassazione e il procuratore generale che chiedeva di riaprire il caso e celebrare un nuovo processo. La prima volta è successo nel 2013, l’ultima nel dicembre scorso, allorché il procuratore generale ha impugnato l’ennesima sentenza di assoluzione e ha disposto la celebrazione del processo in Corte d’Appello che martedì si è concluso con la condanna detta all’inizio. L’ex presidente è stato assolto dalle accuse di avere occupato contemporaneamente due posti di lavoro, uno all’Fmi e l’altro all’Elstat, e di non aver riunito il consiglio di amministrazione, ma è stato condannato per “inadempienza ai doveri d’ufficio” per non avere comunicato ai membri del consiglio d’amministrazione, per le opportune valutazioni, i dati statistici sul deficit di bilancio greco del 2009 che ha inviato a Eurostat. Georgiou ha annunciato ricorso in Corte di Cassazione.

La condanna dell’ex dirigente dell’Fmi ha provocato proteste in tutta Europa. Uno statistico di Eurostat, testimone a discarico di Georgiou al processo, ha definito il procedimento «una farsa preordinata e intimidatoria». Aris Hatzis, docente di diritto ed economia all’università di Atene, ha definito la sentenza «kafkiana, una forma di persecuzione politica». Eurostat ha confermato che i dati trasmessi da Elstat quando Georgiou era presidente erano corretti, come pure conforme alla normativa europea è stata la loro trasmissione senza dibatterli col consiglio di amministrazione dell’ente. «Mi sento come se vivessi in un mondo paradossale dove ogni cosa è messa all’incontrario», aveva dichiarato Georgiou durante uno degli episodi della telenovela giudiziaria. «Coloro che producono statistiche affidabili che sono state convalidate ripetutamente dalle istituzioni internazionali vengono perseguitati, mentre a coloro che si oppongono ad essi e che furono responsabili di statistiche fraudolente nel passato non viene contestato nulla. Se i pubblici ufficiali non possono produrre statistiche corrette senza il timore di essere trascinati per anni da un tribunale all’altro, l’integrità dell’Unione Europea e del suo sistema economico è minata alla base».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download