Google+

Un giorno sì e l’altro pure celebriamo Carlo Giuliani, ma ci siamo dimenticati di Antonio Annarumma

novembre 19, 2012 Pino Suriano

L’Italia è il Paese  in cui un giorno sì e l’altro pure si celebra la morte Carlo Giuliani, il ragazzo di 23 anni ucciso mentre era in procinto di praticare violenza con un estintore. L’Italia è anche il Paese in cui quasi nessuno si ricorda più della morte di Antonio Annarumma, il ragazzo di 22 anni ucciso mentre faceva semplicemente il proprio mestiere di poliziotto. Morì in servizio, durante gli scontri seguiti a una manifestazione del Movimento Studentesco a Milano. Era il 19 novembre del 1969.

Fu il primo: la prima “vittima degli Anni di Piombo”, scrisse qualcuno, la prima “vittima della Strategia della tensione”, preferì qualcun altro. Ucciso da un tubo penetrato nel cranio, secondo la Giustizia, dall’impatto con un’altra auto della Polizia, secondo i manifestanti. Non ci fu mai, ufficialmente, un colpevole. Sono questioni che occuparono le pagine dei giornali, non la mente e il cuore di suo padre, contadino di Monteforte Irpino che giunse a Milano per vedere il corpo senza vita del figlio.

Il Prefetto Achille Serra, a quel tempo Dirigente della Squadra di Mobile di Milano, ricordò la scena nel suo libro Poliziotto senza pistola: «Di fronte alla salma del suo unico figlio maschio, quell’uomo, un contadino che aveva sempre lavorato la terra dei padroni, che in una vita di stenti aveva in Antonio l’unico aiuto per tirare avanti (ogni mese delle 65mila lire che guadagnava, il ragazzo ne spediva al suo paese 40mila), si buttò in ginocchio, non riusciva neanche a piangere. Riusciva solo a chiedere, a gridare: “Perché?”».

Non aggiungo una virgola. Cos’altro si potrebbe aggiungere?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. luigi lupo scrive:

    C’è anche da ricordare l’agente Antonio Marino, ucciso durante una manifestazione dell’estrema destra da parte del figlio di un noto pugile.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana