Google+

Fotografia – Le vedute intrise di mistero di Axel Hütte

aprile 9, 2014 Mariapia Bruno

Nel Romanticismo tedesco la natura si rivela attraverso l’immaginazione. E’ un concetto che molto affascina Axel Hütte, fotografo classe 1951 appartenente alla cosiddetta “scuola di Düsseldorf”, che attraverso i suoi scatti rivela un interesse profondo per il paesaggio urbano e, soprattutto, naturale. Le vedute da lui immortalate sono intrise di mistero: per catturarle l’artista ha dovuto viaggiare ai confini del mondo, dall’Alaska alle Hawai, per catturare qualcosa che non era mai stato fotografato prima. Protagonista dal prossimo 12 aprile fino al 29 giugno 2014 della retrospettiva Axel Hütte. Fantasmi e realtà presso il Foro Boario di Modena, il fotografo di Essen mostra ai nostri occhi le sue peculiarità attraverso 20 opere di grandi dimensioni selezionate dalle serie Glaciers (1997 – 2002), Water Reflection (1998 – 2007), Caves (2008) e dalla più recente New Mountains (2011- 2013) dalla quale sono state estrapolate delle immagini scattate presso l’Appennino modenese, finora inedite.

E se nella serie più antica l’artista racconta di paesaggi distanti e irreali, dominati dalla luce fredda e bianca degli orizzonti del nord e dalla trasparenza blu dei ghiacci, in quella dedicata all’acqua si è catturati da un gioco di specchi che ci invita ad immergerci in un mondo che sembra vero, ma che in realtà è soltanto un riflesso. La penultima serie racconta di montagne incantate, mentre l’ultima vede come protagonista la luce in un territorio – catturato da un punto di vista spesso a volo d’uccello – dove nuvole scure, nebbia e vapore trasformano, agli occhi dell’osservatore, la realtà di un paesaggio nel fantasma di se stesso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana