Google+

E se il partito comunista cinese nominasse il Papa? Ecco perché il Dalai Lama dopo 450 anni vuole abolire il Dalai Lama

settembre 10, 2014 Leone Grotti

Il Dalai Lama, la massima carica spirituale del buddhismo tibetano, l’ha annunciato un po’ a sorpresa rispondendo a una domanda del quotidiano Welt am Sonntag: «L’istituzione del “Dalai Lama” ha fatto il suo tempo. Il buddhismo tibetano non dipende da un solo individuo. Abbiamo una buona organizzazione della quale fanno parte monaci e studiosi altamente qualificati. Non abbiamo bisogno di un 15mo Dalai Lama: le persone che pensano politicamente devono rendersi conto che questa istituzione, dopo quasi 450 anni, dovrebbe aver fatto il suo tempo».

GOVERNO TIBETANO IN ESILIO. Tenzin Gyatso, il 14mo Dalai Lama, ha 79 anni, da 55 anni vive in esilio e anche se desidera «vivere fino a 113 anni» ha incominciato a pensare a chi raccoglierà la sua carica spirituale di guida del popolo tibetano, che ha mantenuto nonostante l’invasione del Tibet da parte di Mao Zedong. I giornali hanno sottolineato soprattutto la buona organizzazione raggiunta dal governo tibetano in esilio in India, a Dharamsala, che rappresenta il tradizionale governo del Tibet e che non potendo influire sulla politica del paese sostiene gli esuli, amministra i campi profughi e mantiene viva la cultura tibetana, distrutta dal partito comunista in patria. A parte questo, il motivo per cui Gyatso vuole eliminare l’istituzione del Dalai Lama potrebbe essere un altro.

panchen-lama-tibetIL BAMBINO RAPITO. Secondo la tradizione del buddhismo tibetano, dopo la morte del Dalai Lama, la nuova rinascita viene riconosciuta dal Panchen Lama, fondamentale figura spirituale al pari del Dalai Lama. Gyatso ha riconosciuto come Panchen Lama il giovane Gedhun Choekyi Nyima (foto a fianco) il 14 maggio 1995. Pochi giorni dopo, però, la polizia cinese ha rapito il bambino di sei anni con la sua famiglia e da allora non se ne è saputo più nulla. Oggi il Panchen Lama, se fosse ancora vivo, avrebbe 26 anni.
Nel novembre del 1995, dopo il rapimento, il partito comunista cinese ha nominato Gyaltsen Norbu come “vero” Panchen Lama, adducendo come motivazione l’utilizzo di rituali religiosi «più autentici» di quelli del Dalai Lama stesso. In realtà, Pechino è così riuscito ad attuare uno rigido controllo sulla pratica religiosa tibetana. Da qualche anno, il Panchen fantoccio è anche entrato in politica, partecipando ai lavori della Conferenza consultiva del popolo cinese e lodando sempre l’operato del partito comunista.

SALVARE IL BUDDHISMO TIBETANO. Se il vero Panchen Lama arrestato da bambino non venisse liberato, alla morte del Dalai Lama il nuovo leader spirituale del Tibet sarebbe scelto di fatto da Pechino, snaturando così la figura della guida del buddhismo tibetano. Per fare un paragone, è come se alla morte di papa Francesco il pontefice venisse scelto dal segretario generale del partito comunista Xi Jinping e non dal Conclave. È probabile perciò che Gyatso, per impedire questa deriva, abbia deciso di abolire un’istituzione che sopravvive da circa 450 anni. Forse l’unico modo per salvare la spiritualità tibetana dalla «crudeltà del regime comunista» che, come ricordava l’abate del monastero Tashi Lhunpo, la casa del vero Panchen Lama, «non risparmia neanche i bambini, prova evidente di come non esista libertà religiosa in Tibet».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Per presentare la nuova Volkswagen UP! GTI non poteva esserci occasione più adatta del Wörthersee 2017, il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW. Anche se, in realtà, come accaduto in passato alla “sorella maggiore” Golf GTI Clubsport, a debuttare non sarà la vettura in versione definitiva, bensì una concept che si […]

L'articolo Volkswagen UP! GTI: la piccola si è arrabbiata proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana