Google+

Da Gauguin a Monet, un viaggio nello spazio del mondo

novembre 7, 2011 Mariapia Bruno

Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?: il titolo della piu famosa opera di Gauguin, simbolo degli interrogativi di una vita, diventa il punto di partenza di un’imperdibile mostra al Palazzo Ducale di Genova che, dal prossimo 12 novembre, riunirà nella sede espositiva ligure una sequenza mozzafiato di capolavori a tema viaggio. Van Gogh e il viaggio di Gauguin porta per la prima volta in Italia l’opera maestosa e sublime del pittore francese, cuore pulsante dell’intero percorso espositivo, che viene accostata a una serie di opere di artisti che hanno viaggiato nello spazio, nel tempo, ma soprattutto dentro se stessi. Eccoci allora di fronte al Campo di grano con volo di corvi di Van Gogh, opera eseguita ad Auvers tre settimane prima della morte dell’artista, da cui traspare l’idea di un viaggio nell’abisso, nel buio del proprio male di vivere. Dello sventurato quanto maledetto pittore olandese è possibile ammirare anche l’Autoritratto al cavalletto, il Seminatore – quadro dipinto ad Arles in cui il pittore racchiude nel gesto del seminare le sue speranze verso il futuro – le Scarpe – simbolo della quotidianità del camminare –  e una raccolta di altri disegni prestati dal Van Gogh Museum di Amsterdam e dal Kröller-Müller Museum di Otterlo.

Intorno a questi ben noti capolavori si collocano altre tele, che delineano una serie di viaggi tra due continenti, l’America e l’Europa. Americani sono Edwin Church, il pittore dell’Est, della valle del Hudson, Albert Bierstadt, il pittore dell’Ovest, della scoperta di Yellowstone e di Yosemite, e Winslow Homer che conclude il suo viaggio nella solitudine delle acque tempestose della costa del Maine. Insieme ad Andrew Wyeth, che con le sue figure pensose e mute ha saputo isolare il senso del viaggio interiore di ogni uomo, questi pittori vanno alla ricerca di territori sconosciuti, di spazi che si identificano con una nazione nuova. Straordinariamente americane, infine, le opere notturne di Hopper che scavano senza sosta nell’interiorità solitaria dell’individuo.

Tornando nella vecchia Europa, il viaggio prosegue con le opere che volgono verso l’infinito di Caspar David Friedrich e quelle che sposano la potenza degli elementi – materia, colore, cenere, fuoco, acqua – di William Turner. Claude Monet sarà presente nel giardino di Giverny con le sue ninfee fiorite come ghirlande, mentre Wassily Kandinsky racconterà i suoi tormenti, i suoi sogni, i suoi tremori e le sue memorie. Chiudono il cerchio Nicolas de Staël con i suoi muri calcinati di Agrigento, gli strapiombi di Antibes e il cielo abitato dai gabbiani, e Giorgio Morandi con il viaggio dentro la stanza di via Fondazza a Bologna dove polvere e cenere diventano simbolo del vuoto e dell’assoluto. Fino al 15 aprile 2012 errare (viaggiare) umanum est

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana