Google+

Ben vengano i bravi cristiani ma il nostro compito è educare santi

luglio 13, 2014 Pippo Corigliano

Oggi il compito principale per la Chiesa è la formazione dei laici. Non sono io che lo dico ma il Concilio Vaticano II: il nucleo fondamentale del suo messaggio è la chiamata universale alla santità. Anche i laici sono chiamati ad essere uomini e donne di Dio. Chi è per noi un laico cristiano? Se confronto l’idea corrente di cristiano normale con quella dei primi cristiani, com’è prospettata negli Atti degli Apostoli, vedo una differenza abissale.

La familiarità con lo Spirito Santo, la generosità economica, l’iniziativa apostolica, la fiducia nella preghiera, erano di un livello quasi inimmaginabile per un cristiano d’oggi. Come colmare questa differenza? Occorre pregare il Padrone della messe perché mandi operai… e questo è il primo passo. Il secondo è adeguare a livelli più alti gli obiettivi di chi ha la responsabilità della formazione. Chi va a Messa la domenica, non tradisce la moglie, non ruba e non ammazza è un cristiano al primo gradino ma bisogna salire più su: arrivare al livello dei santi, di santa Caterina, di santa Teresa, di padre Pio.

Rapporto continuo con Gesù, preoccupazione affettuosa per gli altri, frequenza dei sacramenti, approfondimento della fede, impegno nel lavoro ben fatto, relazione leale con i colleghi, rapporto continuo con i figli e così via. È vero che per secoli il modello di santità sono stati frati, suore, fondatori, vescovi ma sarà la comunione con Gesù a suggerire strade nuove. Col Suo aiuto creativo le tracceremo col nostro cuore innamorato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    oltre ad organizzare le collette i preti dovrebbero insegnare che rubare è peccato. invece con la cristiana democrazia la ruberia è tradizione culturale.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana