Google+

A cosa serve il diluvio di leggi, prediche e pool anticorruzione (a parte «aggiunger molte vessazioni» alle nostre vite)?

dicembre 16, 2014 Luigi Amicone

Dilaga il giustizialismo, Transparency ci svergogna, si moltiplicano i controlli di legalità. Eppure il crimine progredisce. Era tutto già scritto nei Promessi sposi

A detta di Trasparency International l’Italia ha un tasso di “corruzione percepita” che è il più alto d’Europa. Naturalmente non è un dato scientifico. Non si basa sulla raccolta di dati empirici. È il frutto di sondaggi svolti tra le “istituzioni” da un ente sovranazionale che in Italia è stato creato nel 1996 sull’onda di Mani pulite e che tecnicamente si autodefinisce “associazione contro la corruzione”. I “trasparenti” non sono marziani. Sono italiani per bene che pubblicano annualmente l’esito delle loro interviste, appunto, in materia di “corruzione percepita”. Una metodologia discutibile. Ma come sappiamo ormai invalsa, che ben si attaglia a un uso propagandistico e che perfino Beppe Grillo, il Di Pietro 2.0, ha contestato nella famosa conferenza stampa in Europa dove, non senza buone ragioni, citando una ricerca indipendente austriaca, dichiarò che «la Germania è il paese più corrotto d’Europa».

Sia come sia, ci si potrebbe fare una domanda sul nostro presunto record criminale. Come mai, essendo la società italiana da molto tempo impegnata in una lotta senza quartiere alla corruzione, sembra che la corruzione progredisca? Per quale mistero criminoso più si moltiplicano i pool giudiziari, le leggi, le associazioni antimafia e anticorruzione, i programmi scolastici di educazione alla legalità, le trasmissioni di denuncia televisive, gli editoriali etici, le inchieste giornalistiche manipulitissime, più la corruzione dilaga?

Forse perché non siamo che al primo capitolo dei Promessi sposi. Là dove il pavido don Abbondio incrocia i due sgherri al servizio dei signorotti che nel Seicento imperversavano nel Settentrione d’Italia sotto il dominio spagnolo. «Don Abbondio non era nato cuor di leone» e a quell’epoca «la forza legale non proteggeva in alcun conto l’uomo tranquillo, inoffensivo, e che non avesse altri mezzi da far paura altrui». Però, «non già che mancassero leggi e pene contro le violenze private. Le leggi anzi diluviavano; i delitti erano enumerati, e particolareggiati con minuta prolissità; le pene, pazzamente esorbitanti e, se non basta, aumentabili, quasi per ogni caso, ad arbitrio del legislatore stesso e di cento esecutori. Con tutto ciò, anzi in gran parte a cagion di ciò, quelle gride, ripubblicate e rinforzate di governo in governo se producevano qualche effetto immediato, era principalmente d’aggiunger molte vessazioni a quelle che i pacifici e i deboli già soffrivano da’ perturbatori, e d’accrescer le violenze e l’astuzia di questi».

Insomma, anche oggi che non comanda lo spagnolo al Nord ma comanda l’Europa su tutta l’Italia, viene da chiedersi se il “romanzo criminale” italiano che riempie ogni piega della comunicazione e richiama sempre nuove leggi, nuovi idoli tribunizi, nuovi supercommissari, sia utile a fare giustizia. O, piuttosto, a proseguire nel cammino di colonizzazione e asservimento allo straniero che, grazie alla politica giudiziaria, il nostro paese ha intrapreso fin dall’epoca delle prime “Mani pulite”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. clemente scrive:

    Il reato di corruzione è un reato da regime.
    In pratica un processo alle intenzioni.
    Ed è uno strumento che può essere usato per colpire chiunque,
    Oltretutto non viene mai usato dai giudici per colpire quelli di sinistra, collusi con i centri sociali (cioè bande di ladri e delinquenti che commettono reati e li esaltano pubblicamente).
    E qui, oltretutto, non sarebbe corruzione, ma aperta complicità.

  2. Tommasodaquino scrive:

    La corruzione dilaga dove le leggi regolano qualsiasi aspetto della vita economica dei cittadini. Meno leggi inutili, meno corruzione

  3. Alberto scrive:

    Le leggi anticorruzione non hanno mai spaventato nessuno dal corrompere, servono solo per rafforzare il regime e rivolgerle contro i suoi nemici politici.
    Poi dove è scritto che i magistrati sono i migliori guardiani della legalità! Un partito che rinuncia al proprio ruolo delegandolo ad un magistrato o è colluso con lui politicamente oppure ha perso la capacità di governare.
    In entrambi i casi è una sconfitta della democrazia e della sana divisione dei poteri!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download