Google+

Tav, Erri De Luca assolto «perché il fatto non sussiste»

ottobre 19, 2015 Marco Margrita

Non c’è correlazione tra le affermazioni dell’ex capo del servizio d’ordine di Lotta Continua e l’acuirsi delle azioni contro il cantiere della Torino-Lione a Chiomonte.

Erri De Luca non istigò al sabotaggio. Lo scrittore è stato infatti assolto, «perché il fatto non sussiste», nel processo che lo vedeva imputato per questo reato. Un processo che tanto rumore ha fatto, riportando d’attualità la riflessione sul ruolo dei “cattivi maestri”. E la necessità di una condanna penale – e non solo morale e storica – delle loro affermazioni. La tesi della Procura non passa, anche se occorre attendere le motivazioni della sentenza per un’analisi più compiuta. Non c’è correlazione, come invece sostenevano i pm, tra le affermazioni dell’ex capo del servizio d’ordine di Lotta Continua («la Tav va sabotata. I sabotaggi sono necessari per far comprendere che la Tav è un’opera nociva e inutile») e l’acuirsi delle azioni contro il cantiere della Torino-Lione a Chiomonte.

LA SUA DICHIARAZIONE. Prima della sentenza De Luca aveva reso in aula una dichiarazione spontanea. «Sarei presente in quest’aula – ha detto, di fatto rivendicando la sua posizione – anche se non fossi io lo scrittore incriminato per istigazione. Aldilà del mio trascurabile caso personale, considero l’imputazione contestata un esperimento, il tentativo di mettere a tacere le parole contrarie. Perciò considero quest’aula un avamposto affacciato sul presente immediato del nostro paese. Svolgo l’attività di scrittore e mi ritengo parte lesa di ogni volontà di censura. 
Sono incriminato per un articolo del codice penale che risale al 1930 e a quel periodo della storia d’Italia. Considero quell’articolo superato dalla successiva stesura della Costituzione della Repubblica. Sono in quest’aula per sapere se quel testo è in vigore e prevalente o se il capo di accusa avrà potere di sospendere e invalidare l’articolo 21 della Costituzione».

L’ASSOLUZIONE. Lo scrittore aveva lamentato, anche, la poca solidarietà degli intellettuali italiani che, a differenza dei francesi, non hanno immediatamente promosso appelli per scongiurare il carcere: è «un’assenza che si nota, si sono presi la responsabilità della loro assenza». De Luca considera gli intellettuali italiani «pavidi e conformisti».
«Oggi torno a essere un cittadino qualunque. È stata impedita un’ingiustizia, quest’aula è un avamposto sul presente prossimo. Scendo dal gradino su cui mio malgrado mi hanno issato. Ma continuerò a usare il vocabolario per esprimere le mie convinzioni. Comunque è una buona notizia per questo paese», queste le parole con cui l’illustre imputato ha accolto la sentenza d’assoluzione.
All’osservatore resta l’impressione che il processo abbia finito per consentire la retorica del “martire della libera espressione”, rischiando di “beatificare” anche le posizioni espresse.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Sebastiano says:

    Ma se vado in giro a dire che «i Parchi Nomadi vanno sabotati. I sabotaggi sono necessari per far comprendere che i Parchi Nomadi sono un’opera nociva e inutile», dite che mi assolvono o mi condannano per “istigazione all’odio razziale”?

  2. Daniele says:

    Giudice e scrittore di sinistra non poteva che andare così, tra di loro è dialogo! Se le stesse cose le scriveva Tempi eravate già in galera da tempo. La libertà di parola è solo a sinistra.

  3. Giuseppe says:

    Premetto che sono convintamente dell’idea che la TAV Torino – Lione, come concepita, progettata e in via di realizzazione, è un’opera sovradimensionata, che andava pensata in altro modo [e con molta minore spesa]. Ma questo non è il tema di oggi. Lo dico solo per sottolineare che non sono pregiudizialmente contrario ad un sano dissenso, espresso però in modi corretti e pacifici.
    Oggi l’opera si fa e occorre accettare le scelte fatte dai rappresentanti eletti dal popolo [e semmai la prossima volta scegliamone di più avveduti e competenti….].

    Ciò premesso, questa sentenza pone almeno [e sottolineo “almeno”] due grosse questioni.
    1. Come hanno già implicitamente evidenziato Sebastiano e Daniele, in questo Paese qualcuno è più uguale degli altri; De Luca dovrebbe vergognarsi per essersela cavata [almeno finora, ci può essere un secondo grado di giudizio] a buon mercato, pavoneggiandosi quale eroe senza macchia e senza paura, e perciò confermandosi cattivo maestro i cui insegnamenti daranno presto ulteriori frutti bacati. Piccoli Erri crescono ….
    2. Si conferma che abbiamo una – ormai troppo grossa per essere considerata come formata da pochi elementi – serva del pensiero dominante politicamente corretto, dedita non ad applicare la legge ma ad interpretarla, e semmai modificarla, a piacimento proprio e dell’ideologia che serve.
    Intanto la politica “guarda e non favella”, intenta a far melina per conservare i seggi parlamentari.

    Mentre spero che la Procura abbia le palle per far ricorso in appello, concludo con una domandina: il sig. De Luca fa ancora l’editorialista di “Avvenire”?

  4. Giuseppe says:

    Pardon!
    E’ saltata qualche parola all’inizio del punto 2:
    “Si conferma che abbiamo abbiamo una parte della magistratura – ormai ecc. ecc.

  5. leo aletti says:

    L’azzeccagarbugli dice che il fatto non sussiste anche se sussiste.

  6. angelo says:

    Italia: un paese dove i dittatori di sinistra, dopo aver fatto casini negli anni 70, ora hanno preso il potere.
    Occorre una nuova resistenza per SABOTARE LO STATO (tanto non mi possono incriminare , visto che hanno assolto il fetente).

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.