Sciopero generale dopo il massacro: il Sudan è un paese fantasma

Dopo il massacro di 118 civili da parte dell’esercito, che ha preso il potere in Sudan ad aprile, lo sciopero generale invocato dalle opposizioni ha funzionato. Il governo militare si dice disposto a tornare al tavolo delle trattative per conferire il potere a un governo civile

Eritrea. Da un regime totalitario ad uno islamista

La famiglia di Isaias è tra le decine di migliaia che ogni anno fuggono dal regime eritreo, il quale oltre ad imporre ai propri cittadini di prestare servizio militare a tempo indeterminato, perseguita i cristiani