Se il lavoro di moglie è una maledizione

Per l’Istat le famiglie senza padri avvantaggiano le donne, che hanno così più tempo per se stesse. Ma, se ci pensate bene, non è così vero

mamma-mestieri-shutterstock_234452314È mentre stiro che in genere ascolto la radio. Distrattamente. Stamattina stavo lottando con una camicia per gemelli, quando ho dovuto drizzare le orecchie: secondo l’Istat, le famiglie composte unicamente dalla madre con i bambini «sono un po’ meno sovraccariche perché si avvantaggiano dell’assenza del marito»; le donne in questa situazione dedicano ai lavori casalinghi una media di 4 ore e 26 minuti, un’ora in meno al giorno delle donne lavoratrici che sono in coppia. Ecco che, riportata così, l’assenza del marito parrebbe un vantaggio. Questa è nuova. Così come il fatto che il lavoro di per sé sia trattato alla stregua di una maledizione.  Appoggio l’appretto, agguanto il ferro e comincio anche io a svaporare qualche pensiero. Certo, se mettiamo assieme: la stiratura di una camicia al giorno, il rammendo di due calzini a settimana, ieri la bonifica dai peletti della barba che si sono infilati nel portasapone, oggi la multa che mi ha lasciato da pagare per aver infilato l’auto nel posteggio sbagliato… Ecco che come nulla, mi sto giocando il tempo che potrei dedicare a veder due puntate di Grey’s Anatomy. Sto per liquidare così la notizia, apparentemente piatta come un asse da stiro, quando mi balza in mente che c’è dell’altro.

Prendiamo il letto della nostra camera. Mi domando: lo rifarei comunque, in assenza di un marito? Sì. Ma meno bene. O la ben più impegnativa preparazione della cena. Mi immolerei a soffriggere un sugo diverso ogni sera, se non aspettassi un commensale con l’appetito di un tirannosauro? No. Se fossi sola, dopo aver pasciuto la prole alle sette in punto, probabilmente mi butterei sul divano a succhiare surgelati direttamente dal freezer. E il tempo riservato alla ceretta dove lo mettiamo? La ceretta a novembre? Ma siamo pazzi?

Ci son dunque attività che – in presenza di marito – assorbono sì tempo, ma che restano in un’area grigia. Tanto grigia che diventa molto difficile distinguere il confine fra il lavoro in più derivante dal vivere-con-marito e il lavoro che – a onor del vero – fa parte di una cura per me stessa. A questo punto, tirare le somme diventa veramente difficile.
Anche perché – a forza di pensarci – vien fuori altro ancora. Posto pure che il “marito Istat” non si occupi di apparecchio, sparecchio, pulire-lo-specchio; esiste altresì una sorta di tempo che il consorte, in quanto padre, fa addirittura risparmiare a quasi ogni genere di madre. Prendi ieri sera.

Ore 19: a dieci minuti dal sedersi a tavola, la sala pare ancora uno spogliatoio di indumenti che languono ovunque rigorosamente spaiati. Intervengo a gamba tesa:
«Ragazzi, raccattate tutte le vostre robe, che tra poco arriva papà!».
Ore 19.30: ora di cena e di domande, perlopiù dalla risposta per me arcana. Anziché cercare di rispondere a colpi di lunghe ricerche su wikipedia, chiedo al più grande di prenderne nota:
«Tutte queste cose le chiediamo poi a papà. Lui è molto più ferrato di me in storia, politica, sport, religione…».
Ore 20: l’ora in cui di solito arrivano avvisi di servizio su whatsapp, attacco col soffritto per la cena degli adulti e ho già la testa sulla spesa di domani. Ad affondare il colpo vile proprio mentre ho la guardia abbassata, arriva la più piccola:
«Quando posso avere anche io un cellulare? Se non me lo prendete voi, lo prendo io coi soldi che mi hanno dato i nonni, va bene?».
«No!».
«E perché no?».
«Signorina – taglio corto – facciamo così: sentiamo cos’ha da dire tuo padre. Se tuo papà non è d’accordo, non si prende. In questa casa, sai che è lui ad avere l’ultima parola». Certe volte è proprio il caso di dirlo: benedetto patriarcato!

Insomma, salta fuori che tra l’aver dribblato discussioni, evitato internet e non aver fronteggiato di persona il disordine, un credito di tempo se l’è pure guadagnato questo marito.
A questo punto, i conti si vanno a fare benedire. Soprattutto se – come l’Istat – si fa della gran confusione sulle faccende domestiche: separare il tempo speso in più in presenza di marito, dal tempo investito a costruire una famiglia è un lavoro davvero impossibile.

Foto mestieri di casa da Shutterstock