La codardia occidentale ad ammettere che chi ci colpisce è “nemico” ed è “islamico”

A Milano il Pd cincischia con le parole. Quella di Maryan Ismail è l’unica via percorribile perché si possa integrare. Quanto tempo impiegherà la sinistra a capirlo?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

jihad-terrorismo-ansa

Pubblichiamo l’editoriale contenuto nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

In un commento sul Corriere della Sera il rabbino Giuseppe Laras ha messo per iscritto ciò che pensiamo in molti, e cioè che sia solo questione di tempo: «Ormai la domanda non è se avverrà un attentato in Italia, ma quando, dove e come». È una percezione che si ha da anni e che va di pari passo con la codardia occidentale ad ammettere che il primo problema che abbiamo è riconoscere che chi ci colpisce è nostro “nemico” ed è “islamico”.

Questo, ovviamente, non fa di ogni musulmano un potenziale attentatore, ma certamente ci costringe a essere seri e decisi e a non cincischiare con le parole quando parliamo di “integrazione”. Prendete il caso di Milano, a suo modo emblematico. Nella recente campagna elettorale per il Comune, il Pd ha sostenuto la candidata più vicina a una certa idea di islam politico incompatibile con la nostra democrazia, mettendo ai margini Maryan Ismail, somala, sufi, favorevole a una collaborazione con le nostre istituzioni basata su regole precise e senza zone d’ombra.

Quella di Maryan è l’unica via percorribile perché si possa davvero integrare e perché le moschee siano cristalline case di vetro, dove si predica in italiano e non si propaganda il jihadismo. Quanto tempo impiegherà la sinistra a capirlo? Troppi segnali ci dicono che è finito il tempo dei farfugliamenti e delle chiacchiere, del buonismo a buon mercato con incasso elettorale di ritorno. Speriamo di non accorgercene troppo tardi, come accaduto in Francia e come tragicamente descritto dall’imam di Nîmes, Hocine Drouiche, dimessosi dopo la strage di Nizza in polemica con gli altri capi religiosi musulmani: «Dobbiamo svegliarci e dire la verità. Queste istituzioni non fanno nulla per la pace sociale e continuano a ripetere che l’estremismo non esiste».

Foto Ansa

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •