Israele-Gaza, ritrovati razzi di Hamas nascosti in una scuola

A denunciare la scoperta è stata l’Agenzia Onu per l’aiuto ai rifugiati palestinesi (Unrwa), che ha ritrovato il materiale in una propria scuola. Si tratta di una conferma indiretta alle accuse di Israele agli estremisti islamici

L’Agenzia per l’aiuto ai rifugiati palestinesi (Unrwa) ha annunciato la scoperta «per la prima voltta» di razzi nascosti all’interno di una sua scuola a Gaza: ciò confermerebbe le accuse fatte da Israre a Hamas e agli gruppi terroristici di usare le strutture civili come depositi di armi.

LA CONDANNA DELL’UNRWA. Nella nota dell’Agenzia Onu si legge che “Ieri, nel corso di una delle regolari ispezioni delle sue strutture, l’Unrwa ha scoperto circa 20 razzi nascosti in una scuola nella Striscia di Gaza. L’Unrwa condanna fermamente il gruppo o i gruppi responsabili di aver messo delle armi in una delle sue installazioni”. L’Agenzian ha annunciato anche che “ha informato le parti interessate, ha preso tutte le misure necessarie per la rimozione degli oggetti e ha avviato un’inchiesta”.

SMENTITO ACCORDO. Poco dopo le 14, alla fine del cessate il fuoco di oggi, la Bbc ha diffuso la notizia di un accordo tra le parti per una fine delle ostilità, citando come fonte un dirigente israeliano coperto da anonimato. Purtroppo la notizia è stata smentita da Hamas e da Israele. Il funzionario di Al-Fatah Azzam al-Ahmed ha spiegato che «Sinora non abbiamo raggiunto alcun accordo per il cessate il fuoco a Gaza. I colloqui proseguono per raggiungere un consenso sulla bozza finale dell’accordo»: «c’è qualcosa sul tavolo, ma nulla è stato finalizzato». La smentita è arrivata poco dopo anche dalla portavoce del premier Benjamin Netanyahu, Mark Regev.