Google+

Irina, sopravvissuta ai gulag, e Ilya che tornò dalla Siberia

luglio 28, 2017 Sandro Fusina

La poetessa simbolo della malvagità sovietica e il pittore che mise nella stessa tela Lenin, lo zar Nicola II, i Beatles, Hitler e il papa, con Cristo fluttuante in cielo

Glazunov 2

«E vi dirò la prima cosa bella/ che ho visto in prigionia/ i vetri della finestra velati dal ghiaccio». Figlia d’intellettuali, poetessa e credente, laureata in fisica, aveva voluto trasmettere in una scuola primaria della provincia sovietica il suo sapere e i suoi sentimenti. Irina Ratushinskaya non era un’oppositrice programmatica del regime, solo riteneva giusto insegnare quello in cui credeva. Perché l’amministrazione scolastica, invece di espellerla dalla scuola come d’uso con chi non si piegava all’ideologia di Stato, la destinasse al gulag non si capì mai.

Nel mondo libero Irina divenne il simbolo della malvagità sovietica: mentre le sue poesie avevano il meritato successo, un pastore anglicano trascorse la quaresima del 1986 chiuso in una gabbia per ricordare al mondo la sua condizione. In ottobre, come auspicio dell’incontro di Reykjavik tra Reagan e Gorbaciov Irina fu liberata. In Inghilterra le fu pronosticato che non avrebbe potuto avere figli: ebbe due gemelli. Fu invitata da università e istituzioni. Decise però che i suoi figli sarebbero cresciuti in Russia: il successo letterario si affievolì senza mai spegnersi del tutto.

***

Quando, ancora studente d’arte all’Istituto Repin, vinse nel 1956 il Gran premio al concorso internazionale di Praga per giovani artisti, Ilya Glazunov divenne una celebrità. L’anno seguente gli fu dedicata una personale alla Casa dei Lavoratori dell’Arte a Mosca. Un suo quadro che mostrava una donna distesa nuda sul letto mentre il compagno guardava fuori dalla finestra suscitò lo sdegno dell’Accademia sovietica delle Arti. Quanto a realismo il giovanotto era attrezzato, ma con il socialismo cosa c’entrava? Escluso dagli ambienti ufficiali, si fece un nome come ritrattista e l’élite sovietica lo accettò: Leonida Brezhnev stesso posò per lui. Ma quando mise sulla stessa tela Lenin, lo zar Nicola II, i Beatles, Hitler e il papa, con Cristo fluttuante in cielo, nessuno trovò improprio che fosse mandato in Siberia a ritrarre minatori. Ma il regime cadde: Glazunov poté finalmente esprimere il suo nazionalismo acceso. La nuova élite gli affidò il restauro del Cremlino e la ricostruzione della Cattedrale di Cristo salvatore a Mosca.

Irina Ratushinskaya è morta mercoledì 5 luglio, a 63 anni. Ilya Glazunov è morto domenica 9 luglio, a 87 anni.n

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.