Google+

Irina, sopravvissuta ai gulag, e Ilya che tornò dalla Siberia

luglio 28, 2017 Sandro Fusina

La poetessa simbolo della malvagità sovietica e il pittore che mise nella stessa tela Lenin, lo zar Nicola II, i Beatles, Hitler e il papa, con Cristo fluttuante in cielo

Glazunov 2

«E vi dirò la prima cosa bella/ che ho visto in prigionia/ i vetri della finestra velati dal ghiaccio». Figlia d’intellettuali, poetessa e credente, laureata in fisica, aveva voluto trasmettere in una scuola primaria della provincia sovietica il suo sapere e i suoi sentimenti. Irina Ratushinskaya non era un’oppositrice programmatica del regime, solo riteneva giusto insegnare quello in cui credeva. Perché l’amministrazione scolastica, invece di espellerla dalla scuola come d’uso con chi non si piegava all’ideologia di Stato, la destinasse al gulag non si capì mai.

Nel mondo libero Irina divenne il simbolo della malvagità sovietica: mentre le sue poesie avevano il meritato successo, un pastore anglicano trascorse la quaresima del 1986 chiuso in una gabbia per ricordare al mondo la sua condizione. In ottobre, come auspicio dell’incontro di Reykjavik tra Reagan e Gorbaciov Irina fu liberata. In Inghilterra le fu pronosticato che non avrebbe potuto avere figli: ebbe due gemelli. Fu invitata da università e istituzioni. Decise però che i suoi figli sarebbero cresciuti in Russia: il successo letterario si affievolì senza mai spegnersi del tutto.

***

Quando, ancora studente d’arte all’Istituto Repin, vinse nel 1956 il Gran premio al concorso internazionale di Praga per giovani artisti, Ilya Glazunov divenne una celebrità. L’anno seguente gli fu dedicata una personale alla Casa dei Lavoratori dell’Arte a Mosca. Un suo quadro che mostrava una donna distesa nuda sul letto mentre il compagno guardava fuori dalla finestra suscitò lo sdegno dell’Accademia sovietica delle Arti. Quanto a realismo il giovanotto era attrezzato, ma con il socialismo cosa c’entrava? Escluso dagli ambienti ufficiali, si fece un nome come ritrattista e l’élite sovietica lo accettò: Leonida Brezhnev stesso posò per lui. Ma quando mise sulla stessa tela Lenin, lo zar Nicola II, i Beatles, Hitler e il papa, con Cristo fluttuante in cielo, nessuno trovò improprio che fosse mandato in Siberia a ritrarre minatori. Ma il regime cadde: Glazunov poté finalmente esprimere il suo nazionalismo acceso. La nuova élite gli affidò il restauro del Cremlino e la ricostruzione della Cattedrale di Cristo salvatore a Mosca.

Irina Ratushinskaya è morta mercoledì 5 luglio, a 63 anni. Ilya Glazunov è morto domenica 9 luglio, a 87 anni.n

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della naked Yamaha MT-07 costa 6.790 euro f.c. ed è cambiata nella forma e (in parte) nella sostanza. Per continuare una storia di successo

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi