Google+

Sudan, non solo Meriam. Un’altra donna «arrestata perché cristiana» e denunciata per presunta apostasia dall’islam

maggio 28, 2014 Leone Grotti

Si chiama Faiza Abdalla ed è figlia di convertiti al cristianesimo. Nata cristiana, ha mantenuto il nome musulmano e per questo è stata arrestata. I giudici hanno annullato il suo matrimonio con un cattolico per adulterio

Ieri in carcere è nata Maya, la figlia di Meriam Ibrahim, la donna cristiana di 27 anni condannata a morte per false accuse di apostasia dall’islam e a 100 frustate per adulterio. La buona notizia è stata in parte oscurata da un’altra: una seconda donna cristiana è stata arrestata per presunta apostasia.

FAIZA ABDALLA. Come riporta Morning Star News, a Al Gadarif, città vicina al confine con l’Etiopia, Faiza Abdalla, 37 anni, è stata arrestata lo scorso 2 aprile mentre si trovava negli uffici statali locali per ottenere il suo numero di identificazione nazionale, una specie di carta di identità.
Quando ha detto agli ufficiali che era cristiana, l’hanno arrestata affermando che doveva essere nata cristiana dal momento che il suo nome è islamico. In realtà la donna è nata cristiana, visto che la sua famiglia si è convertita al cristianesimo prima che nascesse, ma ha deciso di mantenere il nome musulmano.

«ARRESTATA PERCHÉ SONO CRISTIANA». «Mi hanno arrestato solo perché sono cristiana», dichiara la donna. I giudici, come successo a Meriam e al marito Daniel Wani, lo scorso 8 aprile hanno annullato il suo matrimonio con un cattolico del Sud Sudan, accusandola di adulterio. Come riferito da una cristiano della città, «Faiza Abdalla è cristiana e suo marito è un catechista».
Purtroppo, continua, non è una novità che gli ufficiali che si occupano delle carte di identità cerchino di scoprire chi si è convertito dall’islam. I cristiani locali hanno cercato di far rilasciare la donna, senza successo. «Chiediamo a tutti i gruppi che si battono per i diritti umani di intervenire in casi come questo», ha dichiarato un leader cristiano chiedendo di restare anonimo per ragioni di sicurezza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Menelik scrive:

    Presto avremo su questo post i soliti trolloni che inveiranno contro queste vittime e sputeranno le loro sentenze imbecilli oltreché di una perfidia unica.
    Il cristianesimo in Occidente deve alzare la testa e farsi carico presso le istituzioni internazionali della difesa di queste persone nelle terre del martirio.
    Un cristianesimo debole, di profilo mediocre, attanagliato dal complesso del dialogo a tutti i costi e che deve chiedere scuse di tutto e di più sempre e comunque, non si farà mai carico coraggiosamente di questi martiri e li abbandona al martirio dopo qualche frase di rappresentanza.
    Ve lo ricordate Papa Woityla che tuonava contro i mafiosi ?
    Per me belare è immorale oltre che irresponsabile. E aggiungo pure antipatico.
    Io la vedo così.

  2. Sandro scrive:

    Effettivamente anche io non so se essere più esterrefatto per notizie come queste, oppure disgustato dai buonisti di casa nostra, implacabili nell’attaccare la Chiesa ma incomprensibilmente ‘moderati’ nel giudicare le indubbie efferetezze della religione islamica.

    Della serie, forti coi deboli, deboli coi forti.

  3. Menelik scrive:

    E le varie sigle ONG dell’ONU che stilano stucchevoli accuse di pedofilia e “tortura antiabortista” contro il Vaticano, ora dove sono?
    Ognuno ha il suo carattere, ma io non mancherei di rinfacciarglielo ad ogni piè sospinto all’ONU, specialmente quando redige accuse-farsa come quella della della pedofilia di un paio di mesi fa e quella della tortura per l’opposizione all’aborto anticoncezionale.
    Glielo spiattellerei sul muso davanti ai microfoni e alle telecamere come uno slogan, a cantilena.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana