Google+

Stamina, tribunale Venezia ordina ripresa delle infusioni. «Che giudici sono?»

giugno 23, 2014 Redazione

Dopo Pesaro, altro intervento delle toghe di Venezia. Remuzzi sul Corriere: «I giudici dovrebbero poter giudicare che quel che il medico prescrive sia “prescrivibile”»

Caso Stamina, nuovo capitolo. Da un lato, la comunità scientifica che ha verificato non esserci prove che la terapia funzioni, dall’altro i tribunali che continuano a far uscire sentenze che impongono la prosecuzione dei trattamenti. In mezzo, tante famiglie che si dividono tra chi continua a credere nella terapia e chi ha raccontato vicende che hanno portato la procura di Torino a rinviare a giudizio Davide Vannoni e Marino Andolina (truffa, associazione a delinquere e abuso d’ufficio sono le accuse)
L’ultimo capitolo, si diceva, riguarda il tribunale di Venezia che, racconta il Corriere della Sera, «ha deciso che entro la fine di luglio l’Asl di Brescia dovrà individuare un anestesista pediatrico e un infusore cercandolo in tutta Italia perché la piccola (Celeste, una delle prime bimbe trattate, ndr) possa riprendere la terapia presso gli Spedali Civili della città lombarda.

IRREGOLARITA’ A TUTTI I LIVELLI. Il problema è che nell’ospedale lombardo i medici non vogliono più fare le infusioni (qui l’intervista di tempi.it a Ottavio Di Stefano, presidente dell’Ordine medici ed odontoiatri della provincia di Brescia). Attendono la decisione della Commissione scientifica nominata dal ministro della Salute, che ancora non si è espressa. Per ora, quel che si sa, è che non esiste una prova scientifica che Stamina funzioni. Eppure i giudici di Venezia, come già quelli di Pesaro, intervengono affinché i bambini siano curati. Il Corriere ricorda sia il rapporto dei carabinieri del Nas, «che hanno trovato grosse irregolarità a tutti i livelli», sia la presa di posizione della Federazione dell’Ordine dei medici (Fnomceo): «No alle ordinanze dei giudici. Noi non siamo contro ma al servizio del diritto alla tutela della salute. L’esercizio della nostra professione si basa su autonomia e responsabilità. La nostra pratica è basata su evidenze scientifiche, dobbiamo perseguire efficacia, appropriatezza e sicurezza delle cure».

CHE GIUDICI SONO? Sul quotidiano milanese appare anche un commento di Giuseppe Remuzzi che lamenta che «in nessun altro Paese dell’Europa, un professore di psicologia (Vannoni, ndr) si sognerebbe di mettere a punto una trattamento che comporti l’impiego di cellule staminali e, se lo facesse, non si troverebbe un solo medico disposto ad assecondarlo. Da noi quelli di Stamina medici ne hanno trovati e anche più di uno, ma bastava che l’Ordine dicesse “no” in base al Codice deontologico (nessuno di noi può praticare terapie segrete e non approvate dall’autorità regolatoria) perché finisse tutto subito. Per praticare quelle infusioni, serve il parere di un comitato etico che in qualunque altro Paese avrebbe detto “no” perché non c’era nessuna ipotesi scientifica a sostegno di quel trattamento e nessuna prova di efficacia».
Remuzzi smonta uno dei tanti luoghi comuni su Stamina e cioè che possa essere considerata una cura compassionevole. Non lo è, non ne ha i requisiti. Eppure, dopo Pesaro è arrivato il tribunale di Venezia, il che fa dire al medico-editorialista del Corriere: «Loro, i giudici del lavoro, dicono che non prescrivono, dispongono solo che si dia seguito alla prescrizione di un medico; però dovrebbero poter giudicare che quel che il medico prescrive sia “prescrivibile”, se no che giudici sono?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi