Google+

Siria. Islamisti bruciano una chiesa e arrestano una ragazza perché non porta il velo

ottobre 28, 2013 Leone Grotti

Lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante ha dato fuoco alla chiesa armena di Tal Abyad e ha arrestato una giovane ragazza di Raqqa, che ha rifiutato il nuovo imposto codice di abbigliamento

Non si fermano le violenze dei ribelli nella provincia di Raqqa, in Siria. Lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis), brigata legata ad Al Qaeda che ha trasformato la città di Raqqa in un emirato islamico, ha arrestato una giovane minorenne perché si è rifiutata di vestire l’hijab, velo che copre il capo.

«ABBIGLIAMENTO ACCETTABILE». Dopo la conquista della città, i terroristi islamici hanno distribuito a tutte le ragazze della scuola Hamida Tahira «un abbigliamento accettabile dal punto di vista religioso», l’hijab appunto. Una ragazza però non ha voluto indossarlo e come riporta oggi l’Osservatorio siriano per i diritti umani è stata arrestata.

 CHIESA BRUCIATA. L’Isil ha anche dato fuoco ieri notte alla chiesa armena nella città di Tal Abyad, sempre nella provincia di Raqqa. I miliziani, prima di bruciarla, hanno smontato la croce che campeggiava sulla sommità dell’edificio e l’hanno distrutta. I guerriglieri dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante a fine settembre erano già entrati nella chiesa greco-cattolica di Nostra signora dell’Annunciazione a Raqqa, bruciando tutti i paramenti religiosi.
La stessa cosa è stata fatta nella chiesa cattolico-armena dei martiri, dove hanno anche distrutto la croce che si stagliava sopra la torre e l’hanno rimpiazzata con la loro bandiera che inneggia al jihad. Le due chiese erano state colpite perché facevano suonare le campane a mezzogiorno, durante il richiamo alla preghiera del muezzin.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.