Google+

Se la regina Elisabetta firma la legge sul matrimonio gay «tradisce il giuramento su Dio»

giugno 3, 2013 Leone Grotti

La regina inglese è a capo della Chiesa anglicana e salendo al trono ha giurato di «sostenere le leggi di Dio». Firmando la legge sul matrimonio gay, romperebbe il giuramento

La regina Elisabetta II non può firmare la legge sul matrimonio gay. È quanto sostiene l’anglicano Michael Nazir-Ali, ex vescovo di Rochester e ammiratore di Benedetto XVI. Elisabetta II è infatti il capo della Chiesa anglicana e durante il giuramento da regina recitato 60 anni fa ha solennemente detto: «Giuro di sostenere le leggi di Dio».

LEGGE DI DIO. Ma la legge approvata alla Camera dei Lord, il matrimonio gay, non rispetta la legge divina contenuta nella Bibbia. Spiega Nazir-Ali, sostenendo la monarchia: «L’idea di una monarchia costituzionale deriva dalla Bibbia. Ai cristiani viene chiesto di obbedire ai governanti, fino a quando questi non gli chiedono di fare qualcosa che Dio proibisce. Fortunatamente, in questo paese abbiamo una monarchia che giura di sostenere le leggi di Dio. L’attuale regina è stata fedele al suo giuramento per anni. Preghiamo che continui a esserlo».

DOMANI SI VOTA. Il matrimonio gay, proposto dai conservatori guidati dal premier David Cameron, che ha così spaccato il suo partito, è già stato approvato alla Camera dei Comuni.

VIOLARE IL GIURAMENTO. Quando l’iter della legge sarà completato del tutto, toccherà alla regina decidere se firmarla o meno. Come spiega ancora Nazir-Ali «spero che il primo ministro e i ministri anglicani [che hanno diversi seggi nella Camera dei Lord, ndr] non mettano la Regina in una posizione dove sia costretta a scegliere se violare o meno il suo giuramento».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. francesco taddei says:

    alla regina interessa il nome della casa regnante.

    • tribute to TM says:

      Fatto sta che la regina è capo della chiesa anglicana (e non solo in Gran Bretagna).

      Sono certo che la regina firmerà. E con questo firmerà la fine della supremazia della monarchia sulla chiesa che ha la pretesa di rappresentare.
      Sappiamo tutti come i sovrani inglesi interpretino il Vangelo secondo criteri di potere e di convenienza politica… (a cominciare da Enrico VIII che ha fatto decapitare l’uomo migliore a cui l’Inghilterra abbia mai dato i natali: Tommaso Moro solo perché era rimasto fedele al Papa).

      Sono anni che lo dico…L’Inghilterra tornerà cattolica.

      • Paolo says:

        Sognare non costa nulla…ma non ci farei tanto affidamento…meglio laica e civile, indipendente da qualsiasi ideologia religiosa e delle assurdità ivi connesse. È questo per tutti gli Stati

        • Q.B. says:

          Paoletto è tornato con il suo cavallo di battaglia: l'”ideologia religiosa”. Vedo che non sei riuscito ad acquistare in edicola il secondo fascicolo della gaia enciclopedia universale.

          Paoletto quando vai in Chiesa a chiedere perdono?

          • Paolo says:

            Bella battuta sig. Qb…ma le assicuro che ho cose più serie da fare…fosse anche restare sul divano

  2. Paolo says:

    Poco male, anzi di nessuna importanza tale giuramento…nel 2013 leggere chi parla di “eresia” è quantomeno grottesco….meno sempre della manif pour tous però

  3. Alessandro says:

    Figuriamoci se alla regina d’Inghilterra, uno dei massimi esponenti della massoneria mondiale, gliene importa un beneamato piffero di Dio

    • marzio says:

      Bravo Alessandro,hai ragione ,uno dei massimi esponenti della massoneria e azionista di riferimento della Banca d’Inghilterra, quindi per lei il giuramento è un’inutile formalità

  4. Tto TM says:

    Si Delfini….

    a forza di potature ormai gli anglicani sono allo sbaraglio….vanno in chiesa e vedono donne travestite da prete….si può solo immaginare l’effetto dirompente che hanno tali pagliacciate su veri credenti….

    PS: per quanto riguarda il commento del tizio “liberato” che vive in Spagna, si commenta da solo…: complimenti ma non ce ne frega nulla! Probabilmente vivrà qualche anno tra gli schiuma parties di Sitges e Barcellona…vedremo tra qualche anno….quando avrà bisogno di aiuto reale chi se lo filerà!

    AUGURI….ma quando la situazione si fa dura…c’è solo la famiglia! (quella reale…non quella virtuale bimbo)

    • Q.B. says:

      Dieci anni da oggi, e accadrà qualcosa di simile al post sessantotto, quanto ci si rese conto di cosa realmente avesse prodotto la pseudo cultura della droga: fu un ecatombe.

      Il commentatore fuoriscito in Spagna mi ricorda tanto i tossici di allora, nella loro fase prima del crollo. Gli argomenti e i toni che usa sono straordinariamente simili: “voi bigotti non capite un c…o, qui la droga la usiamo tutti e non è mai morto nessuno, ecc. ecc.”; e poi si è visto.

      Strumentalizzati erano i primi, strumentalizzati ora sono questi. Nihil sub sole novum. Resta solo la pietà umana.

    • marzio says:

      hai ragione TM, l’uomo”liberato” che vive in Spagna , eroe da tastiera,ha semplicemente bisogno di una perizia psichiatrica.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download