Google+

Perché sono quarant’anni che leggo Repubblica

gennaio 15, 2016 Antonio Simone

Il perché occorra sempre leggere certa stampa me lo spiegò tanti anni fa il grande teologo dissidente Josef Zvěřina

Quarant’anni di Repubblica, vent’anni di Ezio Mauro direttore: tutto da festeggiare?

Sono di parte, sono cattolico, sono indagato sotto processo, sono 40 anni che più o meno leggo Repubblica. Il perché è presto detto: quando da giovane (anni 70/80), nella veste di “spia” per conto di Dio giravo ed incontravo i dissidenti, cattolici e non, i perseguitati, cattolici e non, nei paesi comunisti dell’est-Europa e li trovavo sempre informati su quanto succedeva nel mondo e, in epoca di non internet e tv di stato, non capivo come facessero a sapere le cose.

Il grande teologo Josef Zvěřina un giorno mi disse che era facile capire cosa succedeva , bastava leggere la Pravda (il giornale del regime). Io, stupito e stupido, obiettai: «Ma quello è il giornale che scrive solo le cose che vanno bene al comunismo» . Mi rispose: «Se osservi chi il giornale attacca capisci di chi e cosa hanno paura, e se attaccano ferocemente capisci che, quello di cui hanno paura, sta agendo. Quando attaccano violentemente la Chiesa vuol dire che c’è del nuovo in essa, che sotto la notizia c’è una rinascita, e puoi capire anche dove».

Sono quarant’anni anni che, più o meno, leggo Repubblica.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana