Google+

Perché sono quarant’anni che leggo Repubblica

gennaio 15, 2016 Antonio Simone

Il perché occorra sempre leggere certa stampa me lo spiegò tanti anni fa il grande teologo dissidente Josef Zvěřina

Quarant’anni di Repubblica, vent’anni di Ezio Mauro direttore: tutto da festeggiare?

Sono di parte, sono cattolico, sono indagato sotto processo, sono 40 anni che più o meno leggo Repubblica. Il perché è presto detto: quando da giovane (anni 70/80), nella veste di “spia” per conto di Dio giravo ed incontravo i dissidenti, cattolici e non, i perseguitati, cattolici e non, nei paesi comunisti dell’est-Europa e li trovavo sempre informati su quanto succedeva nel mondo e, in epoca di non internet e tv di stato, non capivo come facessero a sapere le cose.

Il grande teologo Josef Zvěřina un giorno mi disse che era facile capire cosa succedeva , bastava leggere la Pravda (il giornale del regime). Io, stupito e stupido, obiettai: «Ma quello è il giornale che scrive solo le cose che vanno bene al comunismo» . Mi rispose: «Se osservi chi il giornale attacca capisci di chi e cosa hanno paura, e se attaccano ferocemente capisci che, quello di cui hanno paura, sta agendo. Quando attaccano violentemente la Chiesa vuol dire che c’è del nuovo in essa, che sotto la notizia c’è una rinascita, e puoi capire anche dove».

Sono quarant’anni anni che, più o meno, leggo Repubblica.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'abbinata Q+ composta da ruote Qurano 46 e tubolari Corsa Speed ha fatto bella figura: scorrevolezza, efficacia, feeling e comfort si trasformano in piacere di guida. E il tutto orgogliosamente tricolore

Le calzature top della gamma Road e Mtb si apprestano ad affrontare la nuova stagione con una serie di migliorie che ne alzano ulteriormente il livello tecnico e le prestazioni

Al Motor Show di Bologna debutta la smart forfood, che gioca a fare il piccolo ristorante stellato su ruote. Padrino dell'operazione è lo chef Davide Oldani

L’annuncio-shock di Nico Rosberg fa quasi storia a sé: come lui solo Mike Hawthorn, Jackie Stewart e Alain Prost

500 km in otto giorni, fra la vigilia di Natale e Capodanno. È la sfida che, dal 2010, Rapha organizza per invitare ogni ciclista a celebrare il proprio impegno per la causa.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana