Google+

Perché la vicenda del Qatar non ha (ancora) scatenato una crisi energetica

giugno 8, 2017 Francesca Parodi

Si temeva un’interruzione della fornitura di petrolio e di una ripercussione sul prezzo del greggio, ma in realtà abbiamo il problema opposto: una sovrapproduzione di idrocarburi. Intervista all’esperto Moccia

qatar-ansa

Qualche giorno fa, quattro dei paesi più importanti nel mondo arabo (Arabia Saudita, Egitto, Emirati Arabi Uniti e Yemen) hanno annunciato di avere tagliato i rapporti con il Qatar, isolando questo piccolo ma ricchissimo emirato a maggioranza sunnita con l’accusa di sostenere il terrorismo. Questa crisi geopolitica ha inizialmente provocato il generale timore di un’interruzione della fornitura di petrolio e di una ripercussione sul prezzo del greggio. Invece, il mercato dell’energia, almeno per ora, non ha subito contraccolpi e le quotazioni del petrolio sono rimaste sostanzialmente stabili.

ECCESSO DI PETROLIO. «Questo perché da qualche anno stiamo vivendo un problema opposto: c’è una sovrapproduzione di offerta di petrolio rispetto alla domanda» spiega a tempi.it Gabriele Moccia, giornalista di economia internazionale e analista di Energy and Strategy Hub «Il prezzo rimane quindi basso, nonostante i ripetuti tentativi dell’Opec (il cartello principale dei paesi produttori di petrolio) di limitarne la produzione». Le ragioni di questo eccesso di petrolio, spiega Moccia, sono sostanzialmente due. Innanzitutto, a seguito dell’accordo di Vienna del 2015 sul nucleare iraniano, questo paese islamico, prima fortemente limitato nella produzione, ha cominciato a produrre ai massimi livelli di capacità e a esportare in maniera massiccia il proprio petrolio. Al di fuori dell’Opec inoltre, paesi come la Russia e gli Stati Uniti hanno trovato nuove fonti fossili, tra cui lo shale gas (gas naturale intrappolato nei giacimenti rocciosi) e il tight oil (petrolio da sabbie bituminose). Anche nel mercato del gas, pure separato da quello del petrolio, non si sono registrati scossoni. Il Qatar è il maggior esportatore di gas al mondo, in particolare del gas naturale liquefatto (il Gnl), ma anche in questo caso le quotazioni non hanno registrato impennate.
«Il mercato è ancora abbastanza liquido e finora non si prospettano crisi energetiche, ma se questa crisi si prolungherà potrà causare dei problemi sulle esportazioni e sugli approvvigionamenti, soprattutto per i mercati asiatici» sostiene Moccia. Il Qatar infatti esporta a lungo raggio e possiede una delle flotte di gasiere più importanti sullo scacchiere internazionale. I suoi export si rivolgono in particolar modo al versante orientale del globo, come India, Indonesia e Cina.

SCENARI. Secondo Il Sole 24 Ora, il rischio più concreto non è tanto sulla produzione, quanto sui trasporti. Le autorità portuali saudite ed emiratine infatti hanno vietato l’attracco delle navi qatarine anche ai terminal petroliferi e se pure esistono altre rotte, è comunque possibile che ritardi e sovraccosti impattino sul prezzo dei combustibili. Vi è inoltre la possibilità, scrive il quotidiano, che, per ritorsione, il Qatar interrompa il flusso del gasdotto Dolphin verso gli Emirati Arabi Uniti e anche questa mossa peserebbe sui costo del Gnl. Moccia, però, per quanto riguarda l’Europa, si mostra positivo: «Abbiamo costruito un sistema di approvvigionamento dell’energia ampiamente diversificato e riserve strategiche molto importanti che ci mettono al riparo dagli effetti immediati di una vicenda come quella del Qatar. In caso di limitazioni quindi potremmo attingere dalle importazioni provenienti da altri paesi come la Russia e quei paesi della fascia del Maghreb». Moccia mette in guardia sulla durata di questa crisi, perché se si prolungherà «farà entrare in gioco anche un paese estremamente importante nella produzione del gas, quale l’Iran, complicando il quadro. Ma si tratta di un’eventualità ancora da verificarsi alla prova dei fatti».

OPEC E GECF. Nell’equilibrio dei rapporti tra i vari paesi che controllano le fonti energetiche, sostiene Moccia, giocano un ruolo fondamentale due organismi internazionali, l’Opec (relativo al petrolio) e il Gecf (più recente, che lega i paesi produttori di gas naturali). Questi due organismi sono spesso in competizione tra loro perché rappresentano due diverse fonti fossili (in passato l’Opec godeva di una sorta di monopolio perché il greggio era la fonte principale, ma ora si sta fortemente affermando anche il gas). «È necessario che entrambe queste organizzazioni energetiche siano in grado di gestire le crisi sia dell’energia sia a carattere geopolitico per cercare di mantenere il mercato equilibrato».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana