Google+

Paola Bonzi (Cav Mangiagalli): «Aiutateci, non abbiamo più soldi»

ottobre 12, 2012 Chiara Sirianni

«Servono fondi: non abbiamo davanti numeri, ma persone». L’appello di Paola Bonzi, fondatrice e direttrice del Centro Aiuto alla Vita della Mangiagalli di Milano

«A causa dei giochi della politica mi ritrovo completamente a mani vuote. Non so cosa dire e che cosa dare alle donne che devono decidere di proseguire o interrompere la loro gravidanza». Paola Bonzi è fondatrice e direttrice del Centro di Aiuto alla Vita (Cav) della clinica Mangiagalli di Milano, che dal 1994 opera all’interno della struttura. Da allora sono migliaia le donne – tutte in quel limbo che va dal test di gravidanza positivo all’appuntamento in ospedale per interromperla – che indirizzate dai consultori si sono sedute nel suo studio, e sono state ascoltate. Sono centinaia i nuclei ospitati e accompagnati fino all’autonomia abitativa, ed è stato costante il sostegno psicologico fornito dal centro, per prendere in considerazione un’alternativa. È il famoso (ma spesso ignorato) colloquio di riflessione, previsto dalla legge 194/78. Unito, quando possibile, al sostegno economico. Fondamentale. Perché «guai a chi punta il dito contro casi come questi, che a volte finiscono nell’aborto, perché la società non le aiuta. Non giudichiamo, perché siamo tutti responsabili».

A cosa serve il Cav Mangiagalli?
Si tratta di un’associazione di volontariato impegnata nel sostegno alla maternità difficile. Il compito che vogliamo assolvere è accompagnare le donne che incontriamo alla nuova condizione di madre, sostenendole psicologicamente e materialmente fino all’anno di vita del bambino, aiutandole così a superare le difficoltà contingenti e ad impostare correttamente la relazione con il proprio figlio. Con tutta una serie di progetti, che vanno dalla consulenza dell’educatrice e dell’ostetrica alla fornitura di tutto ciò che occorre al neonato: pannolini, giochi, attrezzature. Sussidi in denaro.

In questo momento su quante e quali risorse potete contare?
Esclusivamente sul lavoro dei volontari e di qualche donatore. La Lombardia aveva istituito il fondo regionale Nasko, finalizzato al sostegno economico di interventi a tutela della maternità e a favore della natalità. Prevedeva 250 euro mensili per un massimo di diciotto mesi, prelevabili direttamente in banca. Ieri pomeriggio ci hanno avvisato che tale fondo è terminato. E siamo disperati: lavorare con i numeri è un conto, ma io avevo tre persone sedute fuori. E se hai davanti un essere umano, e sai che dentro di sé ha un feto, fai un po’ fatica a dire “no, i soldi sono terminati”.

Quante persone incontra ogni giorno?
In media una decina, tutte con gravidanze non volute e un grande sentimento di inadeguatezza e un gran bisogno di essere capite. Nei primi anni eravamo quasi nascosti, fino a quando Giorgio Pardi ci aiutò, intuendo la necessità delle donne di essere informate. Non mi piace nemmeno chi usa la parola omicidio. Interrompere una gravidanza non è una passeggiata, ma una valle di lacrime. Non mi piacciono i complimenti di chi dice che ho salvato la vita di tanti bambini, preferisco pensare di aver aiutato molte madri a far nascere i loro figli. Non ho mai detto a nessuno cosa deve fare. Si decide in libertà. Abbiamo anche avviato un servizio di sostegno dedicato a chi ha rinunciato alla gravidanza.

Cosa pensa della legge 194?
Sulla carta è pensata per scoraggiare l’aborto e aiutare la donna a rimuoverne le cause. Purtroppo non è mai applicata nella sua interezza. Come recita l’articolo 5 della legge, si devono mettere in campo tutte le azioni, normali e straordinarie, perché le donne superino le cause che le portano a decidere di abortire. Ricordo che nel 60 per cento dei casi il motivo della scelta è di tipo economico, e visti i tempi la situazione non può che peggiorare. Vedo tante donne piangere, perché sono assolutamente combattute, ma obbligate dalle circostanze. Come fanno a vivere? Se tengono il bambino, perdono il lavoro. E magari hanno altri figli, e il marito è a casa, in cassa integrazione. È un dramma profondo. Forse il più profondo che possa affrontare un essere umano, e la politica non può stare a guardare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. luigi lupo scrive:

    Mancano i soldi. Provate a chiedere al celeste imperatore quante persone potevano essere aiutate se non veniva costruito quel grattacielo che, parole del celeste, “abbiamo il piano calpestabile più alto”.
    Provate a chiedergli anche quanto gli è costata la scrivania e l’arredo degli ultimi due piani che sono l’ufficio per lui e il suo staff.

  2. nicolè scrive:

    la verità aime fa male a tutti sopratutto a chi predica bene e razzola male………..

  3. adelina scrive:

    si è sempre messo a tacere chi dice la verità sul questa associazzione di cui si predica bene e razzola male,e non è offensiva la verità nelle mani di Dio siamo lui e un ottimo giudice leale e non si può corrompere.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana