Google+

L’orfanotrofio delle suore e gli 800 bambini gettati nella fossa comune. Altre voci confermano: «Una bufala»

giugno 12, 2014 Emmanuele Michela

Irlanda. Un docente di archeologia scrive: si scavavano fosse per più feretri, venivano coperte con una lapide, molti ospedali le avevano per i bimbi nati morti. E Forbes incalza: «La storia è tutta una bufala»

irlanda_scoperta_fossa_con_800_corpi_sono_i_bambini_sepolti_dalle_suor-330-0-404518«Devono essere alquanto sospettosi i giornali per usare la parola “septic tank” (fossa biologica, nda) per descrivere la struttura che conteneva i bambini sepolti presso la St. Mary home di Tuam». Per Finbar McCormick, docente di archeologia e palaecologia della Queens University di Belfast, la realtà sulla fossa comune in cui sarebbero contenuti i quasi 800 bambini morti tra il ’25 e il ’61 nell’orfanotrofio della contea di Galway è ben diversa da come è stata descritta fino ad oggi, e una sua lettera all’Irish Times spiega il perché. «Per come è stata descritta, la struttura sembra più una cripta sepolcrale, un metodo di sepoltura comune usato nel recente passato e ancora in uso in molte parti d’Europa». Era pratica comune nel 19esimo secolo scavare fosse irrobustite poi con mattoni, ricoperte da una grande lastra talvolta coperta, a sua volta, da una lapide. «La pietra poteva essere rimossa temporaneamente per permettere l’aggiunta di ulteriori bare alla fossa. Questo genere di tombe sono ancora in uso in alcuni paesi del Mediterraneo. Ne ho viste di simili, di recente, nel cimitero di una chiesa in Croazia».

FOSSE COMUNI NEGLI OSPEDALI IRLANDESI. La lettera del docente di Belfast diventa l’ultimo dettaglio di una settimana turbolenta sulla vicenda dell’orfanotrofio di Tuam, dove troppo in fretta si è collegata la scoperta nel 1975 di alcune ossa in una fossa appena fuori la struttura delle suore alla ricerca della storica Catherine Corless, che ha appurato la morte, per varie malattie, di tutti quei bambini durante il Novecento. Domenica, la stessa ricercatrice diceva di non aver mai detto che i piccoli sarebbero stati seppelliti nella fossa biologica. Alla sua voce si aggiunge quella di McCormick: molti ospedali irlandesi avevano un luogo comune di sepoltura per bambini nati morti o deceduti poco dopo il parto. «Questi erano, tavolta, in un cimitero limitrofo, ma più spesso in un’area apposta nei terreni dell’ospedale». Solo di recente si è affermata la tradizione di “restituire” i feretri dei bambini ai genitori, perché li seppellissero in sepolcri familiari. «Finché non si dà prova che sia diverso, la struttura di sepoltura di Tuam va descritta come una cripta sepolcrale comune».

PER FORBES LA STORIA È HOAX, UNA BUFALA. A riprendere la lettera del docente è stato anche un articolo di Forbes, che l’altro giorno spiegava come la storia dei «bambini gettati in una fossa biologica» fosse “hoax”, una bufala. Non ci è andato leggero Eamonn Fingleton, che ha fatto vedere come la vicenda di Tuam «tradisca un grado di cinismo e irresponsabilità» del giornalismo contemporaneo. Perché sul trattamento che la società irlandese e britannica riservava alle ragazze madri si può dire tutto quello che si vuole, ma sulla morte di così tanti bambini bisogna essere onesti e guardare alla realtà, cosa che in pochi hanno fatto: «Gran parte del problema sembra stare nella grande povertà dell’epoca. Essendo così disperatamente sottofinanziati, gli orfanotrofi irlandesi erano sovraffollati, il che significa che quando un bambino prendeva un’infezione, tutti gli altri la contraevano». C’è stato chi (un articolo dell’Irish Independent) ha paragonato i bambini morti a Tuam alle vittime dell’olocausto nazista, del Rwanda o di Srebrenica, «dove la gente veniva fatta fuori poiché erano “scum”», feccia. Ma è difficile credere, continua Fingleton, che le suore non avessero fatto il possibile per aiutare i bambini in questi casi, per quanto potessero «avere un atteggiamento altamente puritano di fronte alle “fallen women” (le ragazze madri)».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. AlessioGiandomenico M. scrive:

    Pazzesco! Siamo davvero in balìa di un’informazione tendenziosa, che non esita a fabbricare false notizie per attaccare il nemico precostituito. E io che stavo per cascarci come un pollo! Viva la Chiesa Cattolica, viva i religiosi e le religiose che sono sempre al fianco delle persone sofferenti e abbandonate!

    • Menelik scrive:

      è per quello che dal 2010, l’anno dell’offensiva atea sulla pedofilia, vo dicendo che, una volta appurata la bufala in modo inequivocabile, bisognerebbe che seguisse SEMPRE, e ripeto SEMPRE, uno strascico giudiziario….querela per calunnia e richiesta risarcimento danni morali.
      Invece, in America, hanno reagito nel modo più stupido, mettendo mano agli assegni assecondando in tal modo i ricattatori (….vi ricordate il cardinal Mahoney?).
      Hanno fatto bene i Giuristi per la vita a chiamare in causa quel gruppo studentesco della Statale che aveva fatto il manifesto con Ratzinger col cerone e rossetto. Finalmente essere umani e non tordi !!!!!!!!!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova generazione della compatta francese riprende alcuni elementi stilistici della crossover C4 Cactus e può contare su possibilità di personalizzazione sconosciute al vecchio modello. Balzo generazionale quanto a infotainment e dotazioni di sicurezza.

Sono passati 30 anni dalla prima vittoria alla Grande Boucle. Per festeggiare l'evento il brand francese lancia un'edizione limitata di 200 esemplari della sua punta di diamante e un concorso fotografico sui Social

Ispirata nel design alla 911, la seconda generazione della berlina sportiva tedesca cambia tanto nell’aspetto quanto nel layout dell’abitacolo e nella meccanica. Top di gamma la Turbo da 550 cv. Debuttano il cambio PDK a 8 marce e l’assale posteriore sterzante.

Nata per le competizioni, si è evoluta attraverso cinque generazioni e 30 anni sino a divenire una berlina dal fascino unico, ideale punto d’incontro di performance e stile. Ecco la storia della BMW M3.

L’edizione speciale della city car torinese, realizzata in collaborazione con i cantieri nautici Riva, può contare su di una ricca dotazione di serie e finiture pregiate in radica e pelle. Prezzi al lancio, sia per la versione chiusa sia per la cabrio, da 17.900 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana