Google+

Non vincere a ogni costo, ma vincere per uno scopo. Sennò meglio sparpagliarsi

settembre 26, 2017 Marcello Veneziani

Se le distanze tra sovranisti e moderati, tra nazional-populisti ed euro-merkeliani restano incolmabili, meglio non unirsi e lasciare che ognuno faccia la sua battaglia o il suo inciucio

meloni berlusconi salvini ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Caro Alessandro, mi chiedi di intervenire sulla questione del rinato, rimorto e poi ventilato centrodestra e io proverò a farlo con un tono dolceamaro, il più possibile veritiero. Cominciamo da alcune amare evidenze. La prima è che il centrodestra ha avuto grandi possibilità di cambiare l’Italia, con governi di lunga durata, maggioranze ampie in Parlamento e alleanze più coese rispetto ai rivali. Il risultato è stato invece assai modesto e poco significativo. Non ha lasciato tracce anche con governi durati un’intera legislatura. Poi qualcuno potrà dire che rispetto a quel che sta lasciando il centrosinistra, soprattutto a livello di leggi, o le prime prove disastrose dei grillini a Roma, meglio quel poco che il nulla o il male.

La seconda è che se oggi i sondaggi danno il centrodestra in crescita (e il caso Sicilia con un candidato credibile come Musumeci lo rafforza), non è per merito del centrodestra ma per demerito altrui e per una legge che governa la cosiddetta seconda repubblica sin dalla sua fondazione: a ogni elezione il governo in carica viene bocciato e viene sistematicamente premiata l’opposizione. È la legge dell’alternanza fondata sui fallimenti alternati. Tendenza esasperata dal voto anti-establishment che cresce in Occidente e sfocia nel populismo antipolitico.

La terza è che gli esempi dati in questi anni dai suoi leader Fini, Bossi e Berlusconi sono stati a dir poco sconfortanti. Tralascio i primi due ormai fuori gioco in modo disonorevole, il primo molto più del secondo, e vengo al terzo, Berlusconi. In questi anni ha fatto di tutto per deludere e spiazzare i tanti che lo seguivano, e non mi riferisco alle disavventure giudiziarie. Dichiarazioni sbagliate, sostegni a governi nefasti, inciuci e doppiezze, segni di bollitura e tentennamenti, cadute “pascaliane” (animalismo politico, revisionismo gay, trans e tardo-femminista) e grotteschi lanci di delfini con revoche successive, dichiarazioni di fedeltà alla Merkel e agli eurocrati, tentativi di riaccreditarsi come il domatore di Salvini e Meloni e l’insabbiatore dei populismi. Né mi sembra ragionevole pensare che la leadership dell’intero centrodestra possa finire nelle mani di Salvini.

Insomma il centrodestra allo stato attuale avrebbe i numeri per vincere ma non ha un leader riconosciuto da tutti, una classe dirigente adeguata, un programma omogeneo. È una somma aritmetica ma non politica. Pontida e Fiuggi lo hanno confermato. Anzi, il consenso che riscuotono i singoli partiti rischia di calare in caso d’ibride alleanze: chi vota moderato mal tollera Salvini, chi vota “sovranista” mal tollera Berlusconi. Non escludo che la possibilità di vincere possa suscitare energie, endorfine, risorse ora insperate. La necessità di accompagnare la politica con forti motivazioni rende condivisibile il tuo discorso circa la necessità di una visione e di un impegno culturale per governare l’Italia con una credibile proposta politica. Anzi, credo che debba essere quello il punto di partenza e non la questione di chi guiderà questa coalizione.

Prima motivazione e programma
Sono superati i partiti personali e le monarchie leaderistiche, tramontate col renzismo, è auspicabile un’alleanza che preveda figure con ruoli diversi: un ficcante speaker, un leader che abbia visione strategica e un premier che sappia governare. Possiamo uscire dal dogma trinitario che vede le tre figure concentrate in una sola.

La questione cruciale dovrebbe essere proprio questa: stavolta provate a partire non da un leader e da una manciata di slogan per la campagna elettorale ma da una motivazione forte e un programma serio, efficace. E su queste basi va ricercata e selezionata una classe dirigente su criteri di motivazione, qualità e affidabilità e non come si è fatto finora, sulla base della fedeltà servile al Capo, aderenza ai bisogni contingenti e clientelari, capacità di galleggiare, che nella migliore delle ipotesi è la virtù dei sugheri, privi di consistenza. Per queste ragioni penso che il primo atto per tentare di costruire una linea politica e una proposta di governo sia quello di convocare una specie di dieta, di stati generali, di mobilitazione estesa non solo ai politici ma alla cultura, ai giovani, alle professioni da cui far nascere una piattaforma, un manifesto, una ripartizione di ruoli e di compiti, una prima selezione.

Inutile tentare un Partito Unico forzando le diversità che ci sono e che prima o poi esploderebbero. Meglio puntare su una alleanza che esalti le sue differenze ma trovi anche ragioni non solo elettorali per le concordanze. Perché la priorità non è vincere a ogni costo, come finora si è creduto, ma vincere per far cosa, in vista di cosa, con quali prospettive (non personali). Mancando questa condizione, preferirei non vedere unito il centrodestra.

Se i fini divergono così vistosamente, se le distanze tra sovranisti e moderati, tra nazional-populisti ed euro-merkeliani, restano incolmabili, meglio non unirsi e lasciare che ognuno faccia la sua battaglia o il suo inciucio. A me non interessa che il centrodestra vada comunque al governo; ma che ci vada con cognizione di causa. E generi qualcosa di positivo per l’Italia e per gli italiani.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download